Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sgombero al Casilino 700, il commento di Calgani


Sgombero al Casilino 700, il commento di Calgani
12/11/2009, 17:11


ROMA - "Lo sgombero dei campi nomadi, va inserito in un quadro programmatico e condiviso. Decisamente apprezzabile l'iniziativa, meno la mancata condivisione con le amministrazioni municipali". Con queste parole il responsabile capitolino dell'Italia dei Diritti Alessandro Calgani mostra quanto complicato possa essere districarsi nell'ottenere un accordo comune tra le varie entità locali responsabili e aggiunge: " Tengo a precisarlo perché se si effettuano azioni di grande impatto queste non devono rimanere fini a se stesse perché i nomadi una volta 'sfrattati' vengono rilocati alla meno peggio a rotazione nelle altre zone, ovviamente sempre della periferia romana". In questo caso la zona in questione è Casilino 700, un altro insediamento abusivo dove ieri mattina è stata eseguita l'ultima azione di sgombero da parte di vigili urbani,esercito,protezione civile ed operatori dell'Ama. Sono state così abbattute 80 baracche oltre che accertati tutti gli eventuali permessi di 69 stranieri trovati in loco. Il responsabile della città di Roma del movimento guidato da Antonello De Pierro conclude: "Stiamo comunque parlando del Casilino 700, un campo nomadi 'Nuovo' che si è ricostituito lo scorso anno. Ne e' dimostrazione il fatto che senza programmazione e di conseguenza collaborazione con i decentramenti municipali, si è destinati a fallire in iniziative di queste dimensioni".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©