Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

Sul luogo del delitto almeno tre persone

Sgozzato nel suo appartamento


Sgozzato nel suo appartamento
10/02/2014, 13:49

SANT' ANTIMO (NA) - Antimo Maggio, 52 anni ed ex operaio dello Stir di Giugliano, è stato ucciso con una coltellata alla gola che gli ha reciso l' arteria giugulare. Il fatto è accaduto nell' abitazione della vittima in via Enrico Caruso a Sant' Antimo, comune a nord di Napoli.

Secondo le prime ricostruzioni eseguite dagli uomini del commissariato di polizia di Frattamaggiore, comune confinante con quello di Sant' Antimo, Maggio sarebbe stato aggredito da almeno tre persone  le quali gli avrebbero impedito di urlare e chiedere aiuto. Sulla porta d' ingresso non sono stati trovati segni di effrezione. Al momento è fuori pista l' ipotesi di una rapina, anche perchè la casa è alquanto modesta. Nell' abitazione, sempre secondo l' ipotesi degli inquirenti, ci sarebbe stata una violenta collutazione dato che sono stati rinvenuti diversi oggetti rotti sul pavimento, pantaloni sui divani e giacche sulle sedie, inoltre il cadavere presenta diverse contusioni. La polizia sembra quasi convinta che gli assassini avrebbero tentato di estorcere qualcosa alla loro vittima e che quest' ultima non abbia parlato. Sono in corso le indagini per stabilire cosa cercavano i malviventi.

Il cadavere è stato ritrovato in un lago di sangue da un familiare di Antimo Maggio nel tardo pomeriggio di sabato scorso. L' uomo ha prontamente chiamato la polizia per chiedere un intervento di massima urgenza.

Secondo l' esame del medico legale, l' omicidio sarebbe stato commesso nella mattinata dello stesso sabato.

Commenta Stampa
di Giovanni Concas
Riproduzione riservata ©