Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La scoperta in pieno centro a Milano

Sgozzavano anatre in cucina, il sushi bar diventa mattatoio


Sgozzavano anatre in cucina, il sushi bar diventa mattatoio
29/06/2010, 17:06

MILANO – Un vero e proprio mattatoio per anatre. Questo era diventato un ristorante “finto” giapponese di Milano, nel quale gli animali venivano sgozzati prima di essere cucinati e portati in tavola. Stessa sorte anche per altri animali utilizzati nel locale. Quando i poliziotti sono arrivati in cucina hanno trovato cinque anatre appena decapitate,le zampine tenute ferme con un nastro e il coltellaccio da cucina con cui è stata eseguita la decapitazione lì accanto. Una sola era ancora viva, ma è morta dopo l'arrivo degli agenti, chiamati da una passante.
La segnalazione che ha portato alla macabra scoperta è partita lunedì sera intorno alle 18, quando la donna ha notato alcuni cinesi trasportare dall'ingresso sul retro, in via Calusca, grossi sacchi neri da cui provenivano rumori simili a lamenti di animali. In un primo momento, ha pensato addirittura che si trattasse di cagnolini, destinati al macello. Quando gli stranieri si sono chiusi la porta del retrobottega alle spalle, la signora ha telefonato al 113.
Inutile, all'arrivo degli uomini in uniforme, il tentativo di nascondere i sacchi: è bastato uno sguardo per notare il sangue e gli animali senza vita. Nel congelatore c'erano altri animali già surgelati. Gli uomini dell'Asl hanno rilevato l'inosservanza delle norme igienico-sanitarie e per il locale è scattata la chiusura. All'interno del ristorante sono stati trovati 15 cinesi, di cui sei clandestini. Cinque di loro si occupavano della macellazione, ed adesso sono stati denunciati per maltrattamenti di animali. Il titolare, anche lui cinese, è stato multato per 1.000 euro per la macellazione abusiva. “Ringrazio Questura e Asl per la collaborazione” - ha detto il vicesindaco, Riccardo De Corato – “Molti ristoratori cinesi continuano a farsi beffe di ogni tipo di regola e mettere a repentaglio la salute e la sicurezza dei cittadini”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©