Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

È Johann B, ora 87enne: contribuì alla morte dei deportati

Shoah: ex guardiano di Auschwitz rintracciato negli Usa


Shoah: ex guardiano di Auschwitz rintracciato negli Usa
10/09/2012, 20:25

BERLINO - L’ultima denuncia avanzata dal Centro di ricerche sui crimini nazisti di Ludwisburg è di quelle destinate a non passare inosservate: un ex guardiano del campo di concentramento di Auschwitz è vivo e si trova in Philadelphia. Sul suo conto il Centro ha presentato un dossier  alla procura di Weiden, in Baviera, dove l’uomo in questione avrebbe vissuto per un certo periodo di tempo, prima di emigrare in America: si tratterebbe di un “ex boia” di Auschwitz, che, emerge dal dossier, fornì “un contributo essenziale” all’uccisione di almeno 344mila internati vive a Philadelphia, negli Usa.

È il “Tagesspiegel” a rivelare il nome dell’uomo:  si chiama Johann B. ed è un 87enne ex cittadino slovacco di madre americana, che dopo la Seconda Guerra Mondiale si trasferì negli Stati Uniti, assumendone la cittadinanza e trovando lavoro come meccanico. Nel 1942 Johann B. si arruolò volontariamente nelle Waffen SS fu assegnato al lager di Buchenwald, dove fu addestrato per fare il guardiano, prima di essere trasferito ad Auschwitz nel novembre 1943. Quando era entrato negli Stati Uniti Johann B. aveva ammesso di aver prestato servizio ad Auschwitz, sostenendo però di non aver mai torturato, nè ucciso nessuno. Diverso è invece adesso il giudizio delle autorità tedesche, secondo le quali le attività del personale di Auschwitz erano mutevoli, anche se Johann B. dichiarò di essere stato impiegato solo come sorvegliante della rampa sulla quale arrivavano i treni con i deportati.

Gli inquirenti di Ludwisburg sostengono invece che “con la sua attività di sorveglianza alla rampa, con il servizio di guardia del lager e nelle torrette del campo di Birkenau ha favorito lo sterminio dei deportati in collaborazione con altri elementi delle SS”.  Attualmente la Procura di Weiden sta esaminando le carte per decidere se chiedere l’estradizione in Germania di Johann B:, come era avvenuto già con John Demjanjuk, il guardiano di Sobibor condannato nel maggio 2011 a cinque anni di reclusione dal tribunale di Monaco di Baviera e deceduto a 91 anni il 17 marzo 2012.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©