Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Si accelera il processo di riconversione dell'ospedale di Scafati


Si accelera il processo di riconversione dell'ospedale di Scafati
05/05/2011, 12:05

Il Commissariato regionale alla Sanità, d’intesa con l’Asl di Salerno, ha deciso di accelerare il processo di riconversione dell’ospedale di Scafati in struttura per la riabilitazione e l’assistenza ad anziani cronici e disabili, previsto entro il 2012 dal decreto commissariale di riordino della rete ospedaliera.

La decisione è stata assunta anche a seguito delle ispezioni effettuate dal Ministero della Salute e dalla Regione Campania, dopo la tragica vicenda della scomparsa della giovane Maria Rosaria e dei due gemellini.

La Regione procederà nei prossimi giorni a dare indicazioni alle Asl, a stralcio dei piani attuativi della rete ospedaliera, per disattivare i punti nascita con ridotto livello di attività e/o potenzialmente a rischio, al fine di garantire al meglio la sicurezza dei cittadini, aldilà delle responsabilità che potrebbero emergere dalle indagini in corso.

La riconversione dell’ospedale di Scafati consentirà di finalizzare i fondi disponibili per investimenti utili a qualificare in modo ottimale l’attuale struttura e per proseguire nel percorso di specializzazione e di eccellenza dei reparti a disposizione negli ospedali di Sarno e Nocera, cui afferiranno gli acuti dell’agro Nocerino – Sarnese.

“Le ispezioni del Ministero e della Regione – dichiara il Ministro della Salute, professor Ferruccio Fazio - hanno messo in luce carenze organizzative circa le procedure ed i tempi d’intervento, non apparsi adeguati a garantire il livello di intensità di assistenza richiesto. Il reparto di ostetricia non risulta praticare il numero di parti minimo, sufficiente a garantire la qualità degli interventi a tutela delle madri e dei neonati: il numero di parti praticato è infatti largamente al di sotto della soglia minima prevista dall’intesa Stato-Regioni del dicembre scorso. Opportuna appare dunque la decisione di accelerare la riconversione dell’Ospedale di Scafati. Gli ospedali moderni sono organismi complessi e tecnologicamente avanzati e debbono avere una dimensione e procedure organizzative tali da garantire la migliore assistenza possibile ai cittadini, in ogni condizione di complessità”.

“Procediamo – sottolinea il presidente della Regione Campania Stefano Caldoro – nell’attuazione della riorganizzazione delle rete ospedaliera, sulla base delle scelte di programmazione sanitaria individuate.

“E’ nostro obiettivo completare al più presto il percorso virtuoso che ci siamo dati per il rientro dal debito sanitario, ma soprattutto per elevare la qualità dell’offerta di salute nella regione, attraverso la riorganizzazione funzionale dei presidi ed il loro miglior utilizzo a favore delle esigenze dei cittadini e dei pazienti della Campania”, conclude il presidente Caldoro.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©