Cronaca / Sesso

Commenta Stampa

Tarquinia. Alcol e droghe stendono i partecipanti

Si addormenta dopo l'orgia, marito pensa a stupro e chiama la polizia


Si addormenta dopo l'orgia, marito pensa a stupro e chiama la polizia
27/03/2010, 14:03

TARQUINIA (VT) -  Una tranquilla cittadina, si direbbe. Il marito rientra a casa dopo una normale giornata di lavoro ed ai suoi occhi si presenta una scena straziante (almeno per lui): la moglie senza vestiti, sul letto, insieme ad una donna e due uomini, tutti nudi. L'uomo non ha dubbi: "Hanno stuprato mia moglie, infami, che tragedia!", pensa. Convinto, chiama la polizia e aspetta rinforzi per combattere il male, salvo poi scoprire la verità dalla viva voce della sua compagna.

FESTINO - La donna, vista casa libera, aveva organizzato un festino a base di sostanze stupefacenti e psicotrope con due uomini appena conosciuti in un ristorante con un'amica: cocaina, marijuana, alcol e tanto sesso. Orgia, così la si definisce: "gozzoviglia, licenziosità sessuale esercitata in gruppo". Evidentemente tanto esercizio deve aver stancato i quattro che, esausti, si sono addormentati tutti sul lettone, come un'allegra famigliola. Mai e poi mai la donna avrebbe potuto immaginare un rientro anticipato del marito.
All'uomo resta ora la soddisfazione di aver denunciato la moglie per detenzione e cessione di stupefacenti. Magra consolazione se comparata ad una reputazione oramai in crollo. Intervistata, una donna della provincia viterbese  ha così commentato: "Strano, una zona tanto tranquilla, non me lo spiego proprio". 
 

Commenta Stampa
di Davide Schiavon
Riproduzione riservata ©