Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Si era nascosto a Palma de Maiorca

Si costituisce l’assassino dei due italiani


Si costituisce l’assassino dei due italiani
07/07/2010, 20:07

BERLINO – Si è costituito alla polizia di Palma de Maiorca, il 42enne Holger B., autore del duplice omicidio dei due italiani, residenti ad Hannover. L’uomo, ha confessato di aver ucciso, lunedì mattina, i due italiani che si trovavano nel Columbus, un bar, in un quartiere a luci rosse. Da quello che emerge, la lite sarebbe scoppiata per una banale discussione, sui Mondiali di calcio. L’omicida, un disoccupato di Hannover, aveva infatti una vera è propria ossessione per il calcio, tanto da rendersi protagonista già in passato di gesti sconsiderati. Le due vittime erano Franco Siccu, 47 anni, morto sul posto, dopo essere stato colpito alla testa, e Giuseppe Longhitano, 49 anni, deceduto tra lunedì e martedì. Subito dopo il delitto, l’uomo di origine tedesca, si era imbarcato ad Hannover per Palma de Maiorca, diretto dal suo patrigno. Proprio le parole di quest’ultimo, lo avrebbero spinto a costituirsi alla polizia di Palma de Maiorca. Vista la gravità dei fatti, il magistrato, Josè Castro, ha subito disposto l’arresto cautelare.
Arrivano dalla polizia, giustificazioni per la mancata cattura iniziale: "Conoscevamo già la sua identità ma non avevamo alcuna indicazione che potesse lasciare il Paese. Per questo non sono stati disposti subito i controlli delle liste dei passeggeri in partenza". Il reo confesso, a breve sarà trasferito a Madrid, per iniziare il processo di estradizione in Germania, che secondo le fonti del tribunale, potrebbe terminare "in meno di un mese".
Secondo il tabloid inglese Bild, Holger B., sarebbe affetto oltre che da gravi problemi psichici, anche da scatti d’ira, causati dal suo abuso di alcol. Il reo confesso, non aveva molti amici, e ad alcuni di questi aveva confessato:"ho fatto una cazzata".

Commenta Stampa
di Dario Palladino
Riproduzione riservata ©