Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Camerota, paura ieri a Baia Infreschi

Si ferisce sulla barca: salvato dalla Guardia Costiera

Turista romano soccorso in mare

Si ferisce sulla barca: salvato dalla Guardia Costiera
15/08/2011, 08:08


CAMEROTA (Sa). E' scivolato in barca, nel porto naturale degli Infreschi, prima della tradizionale processione in mare di San Lazzaro. Voleva farsi il bagno ma, nello scendere dalla scaletta, è inciampato e si è ferito gravemente ad una gamba. A soccorrerlo, tempestivamente, i militari della Guardia Costiera di Marina di Camerota impegnati nella zona per un servizio di vigilanza alla processione. Mario V., 60 anni, di San Vittore del Lazio, è stato subito trasbordato a bordo del gommone veloce dei guardacoste e trasferito nel porto di Camerota dove, sulla banchina, era giá pronta l’ ambulanza che l’ha condotto al pronto soccorso dell’ospedale "San Luca" di Vallo della Lucania.  Il malcapitato, giá nel corso della navigazione, ha ricevuto le prime cure mediche da parte dell’equipaggio del gommone, formato dal comandante dell’Ufficio Locale Marittimo Antonio De Santis e dai sottocapi Raffaele Ciccarino e Andrea Novi, opportunamente istruiti per tali situazioni. Al momento dell’incidente il 60enne si trovava a bordo di una imbarcazione partita da Marina di Camerota, carica di turisti, e diretta, come tutti i giorni, in visita alla costa. Ieri mattina però, all’interno della Baia degli Infreschi, il brutto incidente. Il malcapitato ha iniziato a perdere sangue, la ferita era piuttosto profonda. Attimi di panico sull’imbarcazione. Qualcuno ha iniziato ad urlare, i guardacoste hanno notato la scena e sono intervenuti. I soccorsi sono scattati subito: contestualmente è stata allertata la centrale operativa del 118 (coordinata dal direttore Giuseppe Basile) e, durante il trasferimento in porto, i militari hanno tamponato la ferita riuscendo a bloccare l’emorragia. Poi il trasferimento in ambulanza in ospedale. Intanto la Capitaneria di Porto, coordinata a livello territoriale dal tenente di vascello Santo Altavilla, ha aperto un’inchiesta amministrativa e ha giá interrogato alcuni testimoni per ricostruire la dinamica dell’incidente. «Anche questa volta la tempestivitá dei soccorsi e la professionalitá dei nostri militari ha scongiurato il peggio - ha detto Altavilla - La nostra presenza in mare, quasi continuativamente, dalla mattina alla sera, rappresenta per diportisti e bagnanti una garanzia per la sicurezza».

Commenta Stampa
di Vincenzo Rubano
Riproduzione riservata ©