Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Si maschera davanti a un conoscente e lo rapina, arrestato


Si maschera davanti a un conoscente e lo rapina, arrestato
15/05/2010, 15:05

VOLLA - Questa notte i carabinieri delle stazioni di Volla e Pomigliano d’arco hanno sottoposto a fermo per rapina e tentata estorsione Pietro D’Agostino, 54enne, residente in Pomigliano alla III traversa di via Pratola ed Antonio Esposito, 31enne, residente in Pomigliano alla via legge 219, entrambi già noti alle forze dell’ordine.
Alle 18.00 di ieri, in località “Masseria Carafa” di Casalnuovo di Napoli, il titolare 33enne di una impresa di pulizie è stato rapinato da 2 individui, uno dei quali armato di pistola semiautomatica.
Surreali le fasi della rapina e come e’ stata perpetrata: poco prima di rapinare la vittima, che era nella casa di campagna di alcuni conoscenti, 2 persone erano arrivate a volto scoperto a bordo di una Fiat Uno, alla guida, Pietro D’Agostino, detto “ ‘o cavallaro”, conosciuto dal denunciante e, seduta al fianco del “cavallaro”, altra persona, ancora in via di identificazione.
Fermatisi a poca distanza dal malcapitato, i 2 si sono messi i passamontagna ed hanno affrontato il 33enne, che a questo punto ha pensato ad uno scherzo, e si e’ pure messo a ridere. La pistola puntata in faccia e l’intimazione perentoria a consegnare il furgone lo hanno persuaso che si trattava di una rapina vera, non aveva scelta.
Dopo essersi impossessati del mezzo i 2 si sono allontanati in direzione di Pomigliano d’arco con la uno ed il furgone a bordo del quale c’era il telefonino del rapinato, il quale, dopo qualche minuto di disorientamento, ha telefonato (al suo telefonino) per provare a convincere i rapinatori a restituire il mezzo.
Per tutta risposta, la richiesta iniziale, secca, di 5.000 euro, poi scesi a 3.000 nel corso di una sorta di trattativa.
L’uomo e’ comunque andato dai carabinieri di Volla a rappresentare il fatto. Ricevuta la segnalazione i militari hanno diramato via radio le ricerche del mezzo rapinato che e’ stato visto passare alle 18.30 circa per via Pratola dai componenti una pattuglia della stazione carabinieri di Pomigliano, fermi sulla strada per l’auto in panne ma che avevano sentito la nota via radio: prima la Uno guidata dal “cavallaro” e subito dopo il furgone con 2 persone a bordo, uno sconosciuto ed Antonio Esposito, noto agli operanti.
I 2 sono stati rintracciati nelle loro abitazioni e sottoposti a fermo.
Il furgone rapinato e’ stato rinvenuto e restituito al proprietario (era stato nascosto in attesa del pagamento del riscatto tra gli alberi nelle campagne tra Pomigliano e Casalnuovo).
Mentre proseguono le indagini per identificare colui che insieme a D’Agostino ha materialmente commesso la rapina, i fermati sono stati associati alla casa circondariale di Poggioreale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©