Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il presidente del movimento: probabile che nasca un partito

Sicilia: da lunedì i Forconi di nuovo in azione

Nessun blocco stradale, ma la benzina non uscirà dall’isola

Sicilia: da lunedì i Forconi di nuovo in azione
03/02/2012, 10:02

CATANIA – È da lunedì prossimo che ripartirà la protesta dei Forconi. Diversi i presidi che si stanno organizzando davanti alle raffinerie e i blocchi di fronte ai pontili, per impedire al carburante di uscire dalla Sicilia. Questa volta, però, si andrà avanti a tempo indeterminato: perché, spiegano gli stessi Forconi, “ormai non c’è più spazio per chi usa la politica per promettere”. Queste le motivazioni: la decisione di riprendere lo sciopero vuole essere “un attacco” ai governi nazionale e della Regione Siciliana e a “tutti i politici sordi alla disperazione della gente che lavora”. Il movimento invita i politici “a dare risposte concrete o a dimettersi e andare tutti a casa”.
Le iniziative sono state annunciate dal presidente del movimento, Mariano Ferro, all’assemblea dei Forconi a Catania. “Non torneremo a fare i blocchi stradali in Sicilia – conferma – ma vogliamo portare avanti la nostra protesta”. Per i Forconi “l’obiettivo da raggiungere è l’applicazione dello statuto siciliano, che prevede la defiscalizzazione della benzina” e la “protezione dei prodotti agricoli dell’isola che sono un’eccellenza italiana da tutelare”. Ferro, dopo aver negato l’ipotesi di infiltrazioni mafiose nel movimento, non esclude inoltre che il movimento possa costituire un partito.
Si prevede, dunque, per il futuro la nascita di un soggetto politico: per il momento i Forconi si muovono, almeno in apparenza, come sindacato che tutela gli interessi dei siciliani. E proprio per questo fanno sapere che attueranno, a partire da lunedì, dei presidi nelle quattro raffinerie dell’isola: a Priolo (Siracusa), Milazzo (Messina), Gela (Caltanissetta) e Termini Imerese (Palermo). Per “non fare uscire una sola goccia di carburante fuori dall’isola”, cercando di creare problemi alle compagnie petrolifere.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©