Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sicurezza stradale; al via anche nel Napoletano il progetto "Guido con prudenza"


Sicurezza stradale; al via anche nel Napoletano il progetto 'Guido con prudenza'
22/07/2011, 12:07

NAPOLI - “La collaudata formula di Guido con prudenza” che grazie al Protocollo d’intesa siglato nel 2010 tra la Fondazione Ania e la Provincia di Napoli arriva anche sulle strade del napoletano, è basata essenzialmente su un’attività di sensibilizzazione contro la guida in stato d’ebbrezza accompagnata da un incremento dei controlli da parte delle forze dell’ordine. Sono certo che la sinergia con la Polizia di stato contribuirà a ridurre il numero di incidenti stradali dei giovanissimi, spesso vittime inconsapevoli dell’alcool e delle droghe leggere”. Lo ha affermato l’assessore ai trasporti della Provincia di Napoli, Antonio Pentangelo, che ha sempre mostrato una straordinaria attenzione e sensibilità sul tema della sicurezza stradale.
"Se bevo non guido, se guido non bevo": con questo slogan riparte 'Guido con Prudenza', la manifestazione nata nel 2004 allo scopo di diffondere e promuovere in Italia la figura del 'Bob', il guidatore designato, ovvero colui che nelle serate in discoteca con gli amici si impegna a non bere per riportare a casa gli amici in totale sicurezza.
Organizzata dalla Fondazione Ania per la sicurezza stradale, in collaborazione con Polizia Stradale e l'Associazione Italiana Imprese di Intrattenimento da ballo e di spettacolo Silb-Fipe, l'ottava edizione di 'Guido con Prudenza' terminerà il 16 agosto coinvolgendo i locali notturni di 4 zone d'Italia: riviera romagnola, Versilia, litorale romano e litorale campano a sud di Napoli.
Lo scopo della manifestazione è quello di contrastare le cosiddette 'stragi del sabato sera'. Gli incidenti stradali sono, infatti, la prima causa di morte tra i giovani. Nel 2009 su 4.237 morti per incidente stradale, 950 avevano un'età compresa tra 18 e 29 anni e il 42,9% di queste giovani vittime - 408 ragazzi - ha perso la vita di notte, tra le 22 e le 6 del mattino (Fonte Aci-Istat). L'alcol e la droga sono tra le cause principali di questa strage: secondo una stima dell'Istituto Superiore di Sanità, gli incidenti provocati da conducenti in stato psicofisico alterato da alcol e droga corrispondono al 30% del totale dei sinistri che avvengono nel nostro Paese.
I risultati ottenuti lo scorso hanno dimostrano che si tratta di una strategia vincente che ha dato risultati importantissimi: nel 2010, durante i sei fine settimana di 'Guido con Prudenza', la Polizia Stradale ha controllato lo stato alcolemico di 7.999 conducenti ritirando 438 patenti a guidatori in stato di ebbrezza e confiscando 37 veicoli a conducenti con tasso alcolemico superiore a 1,5 g/l o risultati positivi al test antidroga.
Quindi anche nel 2011, come negli anni precedenti, i ragazzi che entreranno in discoteca troveranno un corner della sicurezza stradale dove hostess e steward della Fondazione Ania li inviteranno a nominare il 'Bob' della serata, ovvero colui che sceglie liberamente di non bere per riportare a casa gli amici in sicurezza. Contemporaneamente la Polizia Stradale intensificherà i controlli sulle principali strade nei pressi dei locali.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©