Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

I produttori contro le dichiarazioni del portavoce dell'Oms

Sigaretta Elettronica polemiche e smentite


Sigaretta Elettronica polemiche e smentite
13/12/2010, 17:12

A proposito delle dichiarazioni del portavoce dell'Oms , diramate nei giorni scorsi dalle agenzie Ansa e dalle reti nazionali, circa la sicurezza della sigaretta elettronica, i vertici della società “Metropol Trading Italia”,  primo importatore e distributore della sigaretta elettronica “revolution the way of life”, ribadiscono che il loro prodotto con brevetto depositato, non è minimamente  coinvolto in quanto dichiarato. Per questo motivo i responsabili della società ritengono fondamentale chiarire alcuni punti: “innanzitutto  le parti elettroniche della sigaretta  sono corredate da certificati di conformità CE, certificati SGS e  le ricariche contengono aromi (cioè sostanze normalmente utilizzate nell'industria alimentare), e se richiesto dai consumatori anche un basso contenuto di nicotina. Il prodotto viene sempre sottoposto, come previsto dalla legge, ad analisi doganali per ogni importazione, ad ulteriori accertamenti semestrali eseguiti da autorevoli laboratori italiani ed ancora, rispettando le disposizioni del Ministero della Sanità italiana, con una chiara etichettatura, garantisce al consumatore una facile e precisa visione del contenuto. Relativamente alla nicotina, dalle stesse analisi è certificato che la "revolution the way of life" ne contiene un valore inferiore a 0,6 mg/filtro, valori ad di sotto di quelli normalmente assunti mediante il consumo di una normale sigaretta. Tutti conoscono ormai i danni del fumo che vantano ben 4000 sostanze altamente tossiche, come il catrame, il monossido di carbonio ed il  benzene, sarebbe davvero pretestuoso, quindi, pensare che una semplice ricarica di aromi alimentari e una minima dose di nicotina possano essere pericolose per un fumatore abituato ad inalare sostanze ben più tossiche e cancerogene come da anni riferito dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. Inoltre è importante precisare che la sigaretta elettronica “revolution the way of life” è pienamente funzionale allo scopo per cui è stata brevettata per essere dispositivo finalizzato per uso non medico e di conseguenza privo di finalità terapeutica. Sono anni che si combatte contro  allarmismi pilotati da varie multinazionali ecco perché i produttori della sigaretta elettronica ritengono inaccettabili le dichiarazioni circa i presunti danni scaturiti dal suo uso ribadendo che come contenuto, la stessa, non va oltre le dosi e le sostanze utilizzate  tutti i giorni nell’industria dolciaria, con la aggiunta, dove richiesta, di un minimo quasi inesistente di nicotina. “Ecco perché - come  dichiarano i responsabili della “Metropol Trading Italia”- è impossibile e pretestuoso paragonare la loro sigaretta elettronica a quella tradizionale  che vanta ben 4000 sostanze altamente nocive, come il benzene, il monossido di carbonio ed il catrame”.

 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©