Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Simulavano perquisizioni domiciliari della procura invece rapinavano: 9 arresti


Simulavano perquisizioni domiciliari della procura invece rapinavano: 9 arresti
13/07/2012, 11:07

Questa mattina la Squadra Mobile ha dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dall’Ufficio Gip di Napoli a carico di nove appartenenti ad un sodalizio criminoso dedito alla perpetrazione di reati predatori in danno di portavalori.

Si tratta di DI PALMA Pasquale, SPORTIELLO Leonardo, DE ROSA Salvatore, PANARIELLO Pasquale, AMENDOLA Patrizio, LAMETTA Roberto, CANGIANO Francesco, ZOTTOLO Vincenzo e MASTROBUONO Gianclaudio.

Il provvedimento restrittivo concerne una articolata indagine condotta dalla Sezione Antirapina della Squadra Mobile di Napoli sotto la direzione della Procura della Repubblica di Napoli.

Le indagini hanno appurato che il gruppo, composto anche da elementi di spicco legati alla criminalità organizzata partenopea, ha effettuato numerose rapine ai danni di portavalori e di privati cittadini.

Nel sodalizio operava anche un Carabiniere sospeso dal servizio. Si tratta di CANGIANO Francesco, già indagato in una precedente indagine concernente le rapi e in danno di istituti di credito.

Le indagini attuali hanno evidenziato che l’ex militare, sfruttando l’esperienza maturata come investigatore, organizzava rapine a danno di privati e/o attività commerciali, simulando perquisizioni domiciliari demandate dalla Procura della Repubblica.

Tranne CANGIANO Francesco, già detenuto presso il carcere militare di Santa Maria Capua Vetere, gli arrestati sono stati tradotti presso la casa circondariale di Poggioreale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©