Cronaca / Curiosità

Commenta Stampa

In realtà faceva volontariato per i curdi

Sindaco del Salernitano espulso dalla Turchia per "motivi di sicurezza"


Sindaco del Salernitano espulso dalla Turchia per 'motivi di sicurezza'
17/03/2017, 18:34

SANTOMENNA (SALERNO) - Brutta disavventura quella accaduta al sindaco di Santomenna, in provincia di Salerno, Massimiliano Voza. Aveva preso un aereo per Istanbul e da lì doveva raggiungere Diyarbakir, capoluogo della regione curda nel Sud-Est del Paese. Ma quando i poliziotti hanno scoperto il biglietto per la località curda, hanno fermato Voza e l'hanno interrogato per tutta la notte, incuranti del fatto che il sindaco facesse presente il suo ruolo istituzionale. Dopo di che l'hanno costretto a prendere il primo aereo per l'Italia, espellendolo "per mnotivi di sicurezza" e trattenendo sia la fascia tricolore che il cellulare che lui usa come sindaco. 

Voza collabora con il gruppo Comitato Napoli per Kobane, un gemellaggio tra i napoletani e i curdi. E' un cardiochirurgo, che ha già lavorato a Kobane come volontario dopo che i curdi erano riusciti a respingere i militanti dello Stato Islamico. Ha poi collaborato a portare medicinali ed altri beni di prima necessità ai curdi. Ma, come è noto, ormai per Erdogan i curdi sono tutti terroristi, a prescindere. E per questo a Voza è stato impedito di raggiungere il Kurdistan turco. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©