Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Comunità asiatica infuriata

Sindaco di Prato: “No al lutto cittadino per le 3 cinesi morte”


Sindaco di Prato: “No al lutto cittadino per le 3 cinesi morte”
05/10/2010, 17:10

PRATO Purtroppo tre donne cinesi sono morte, perchè imprigionate in un sottopasso allagato. Un altro automobilista è riuscito a salvarsi in tempo. E nella città dove ci sono più immigrati scoppia la polemica. Il sindaco Pdl Roberto Cenni dichiara: “Non ci sono i presupposti per proclamare il lutto cittadino”.
La protesta della comunità cinese. Matteo Ye, interprete, all'intervista del CNRmedia risponde: “I sottopassi, se ci sono, devono avere la massima sicurezza. Queste tragedie non devono avvenire in un Paese sviluppato come l' Italia, è vergognoso”. Speranzoso della partecipazione al lutto di tutta la cittadinanza pratese, precisa: “La solidarietà tra esseri umani, anche se ci fossero odi razziali, davanti ai morti dovrebbe essere automatica”.
Evento naturale straordinario. Secondo il sindaco Cenni: “Mi parlano di più di 100 millimetri in tre ore, quasi un'esplosione d'acqua. Se ci sono responsabilità specifiche lo vedremo, ma molto spesso si tratta proprio di incapacità dell'uomo a resistere a certi eventi naturali”.
Il dramma nel sottopassaggio. Stamane sono stati recuperati, dai sommozzatori dei vigili del fuoco, i corpi delle tre donne: due sorelle, Donglan e Jilan Wang, rispettivamente di 42 anni e 50 anni, e la figlia di quest'ultima, Chengwei di 34. Le donne, secondo la ricostruzione di quanto avvenuto, sono annegate nel sottopasso ferroviario mentre si stavano recando al lavoro a bordo di una Lancia Y. La vettura sarebbe stata improvvisamente travolta e sommersa da acqua e fango alti quattro metri. I sommozzatori avevano individuato, all'interno dello stesso sottopassaggio, un'altra vettura che, però, fortunatamente era vuota. Il guidatore, infatti, era riuscito a mettersi in salvo prima che il livello dell'acqua crescesse. La Procura della Repubblica di Prato ha disposto il sequestro del sottopasso ferroviario.
L'assessore comunale di Prato, con delega alla Protezione civile, Dante Mondanelli ha dichiarato: “La notte scorsa una bomba d'acqua si è abbattuta su Prato. In circa due ore, più o meno fra le 1 e le 3, si sono abbattuti sulla città e sui dintorni 104 millimetri di pioggia. Un evento straordinario, che ha provocato allagamenti e disagi. Dobbiamo fare tutte le verifiche necessarie, siamo ancora in fase di post-emergenza tuttavia si può ipotizzare che la pressione d'acqua all'interno del canale fognario laterale al sottopasso, sia stata nettamente superiore alla capacità dell'impianto di sollevamento di scaricare acqua nel canale stesso. In pratica, potrebbe essere avvenuto che la fogna, anziché ricevere l'acqua radunatasi nel sottopasso, abbia essa stessa inondato la strada sottostante”.
Il maltempo, che la notte scorsa, ha interessato Nord e Centro Italia, ha costretto i vigili del fuoco a 550 interventi. Le situazioni più critiche, oltre che in Toscana, si sono verificate a Genova, Savona, Udine e Terni.


 

Commenta Stampa
di Caterina Cannone
Riproduzione riservata ©