Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Duro attacco nella relazione del Sinodo dei Vescovi

Sinodo: "L'occupazione israeliana favorisce il fondamentalismo"


Sinodo: 'L'occupazione israeliana favorisce il fondamentalismo'
18/10/2010, 11:10

CITTA' DEL VATICANO - Contiene giudizi molto duri, la "Relatio post disceptationem" del Sinodo dei Vescovi sul Medio Oriente che si è appena conclusa. In particolare sulla occupazione israeliana dei territori palestinesi, che viene condannata: "Pur condannando la violenza da dovunque provenga, e invocando una soluzione giusta e durevole del conflitto israelo-palestinese, esprimiamo la nostra solidarietà con il popolo palestinese, la cui situazione attuale favorisce il fondamentalismo". Ancora più significativo che a leggere la relazione al Papa Benedetto XVI sia stato l'arcivescovo egiziano Antonios Naguib, patriarca di Alessandria dei Copti.
Questo concetto è ovvio ed intuitivo: se un popolo è oppresso, è normale che prima o poi reagisca. Se gliene si dà la possibilità, magari può anche ragire democraticamente; ma se nessuno ascolta le sue proteste, non rimane altro che usare la forza. Un uso comunque limitato, visto che l'esercito israeliano è il più potente dell'area. E può contare su mezzi (aerei da combattimento, carri armati, elicotteri corazzati) che sono negati ai palestinesi.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©