Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

L'anziano aveva fatto avance alla findazata dell'assassino

Siracusa: tortura ed uccide 82enne per vendetta

L'ha mutilato, evirato e poi è rimasto a guardarlo morire

Siracusa: tortura ed uccide 82enne per vendetta
29/01/2011, 17:01

FRANCOFONTE (SIRACUSA) - Gli ha tagliato le mani e i piedi, poi i genitali, e l'ha preso a pugni e gli ha massacrato il volto. Poi ha acceso una sigaretta ed è rimasto a guardarlo morire. Così Massimiliano Pepi, 36 anni di Francofonte, in provincia di Siracusa, ha ucciso Sebastiano Bellofiore, 82 anni.
Pepi e la sua fidanzata da una ventina di giorni erano stati assunti da Bellofiore come badanti, data la situazione di avanzata età dell'uomo. Ma in questo tempo l'uomo aveva fatto delle avance alla ragazza, ovviamente respinte. Avances che però avevano fatto arrabbiare il fidanzato. E così ieri il fattaccio: Pepi è entrato in casa dell'anziano per chiedergli di saldare un debito che Bellofiore aveva con lui di 300 euro. L'anziano si è rifiutato di pagare e ne è nata una lite, terminata quando il giovane ha colpito l'altro con una bastonata in faccia. Dopo di che è salito in solaio, dove ja trovato un coltello da macellaio, con cui ha tagliato al vecchio mani, piedi e genitali. Poi si è acceso una sigaretta, si è accomodato in poltrona ed è rimasto a guardarlo morire. Poi si è allontanato dall'abitazione, ma è stato intercettato dai Carabinieri che l'hanno arrestato perchè era sporco di sangue. E dopo un breve interrogatorio, ha confessato l'omicidio commesso

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©