Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

È l’accusa lanciata dal regime di Bashar al-Assad

Siria: dietro l’agguato alla base militare c’è Israele

Intanto si attendono le nuove sanzioni della Lega Araba

Siria: dietro l’agguato alla base militare c’è Israele
26/11/2011, 11:11

DAMASCO – Secondo il regime siriano, dietro l’agguato mortale consumatosi presso una base dell’aeronautica militare vi sarebbe la mano di Israele. Scaduto l’ultimatum della Lega Araba (finito con un nulla di fatto, non essendo pervenuta nessuna risposta da Damasco), in Siria continua la protesta, ma è sull’attacco alla base militare che si concentra ora particolarmente l’attenzione. L’Esl, l’Esercito libero siriano, ha rivendicato l’agguato, ma per gli uomini di Bashar al-Assad l’attacco è la dimostrazione del coinvolgimento di elementi stranieri “nel sostenere queste operazioni terroristiche”, che hanno l’obiettivo di indebolire “le capacità combattenti delle nostre forze armate immortali”. Il comunicato diffuso dal regime siriano è ancora più esplicito e non lascia spazio a libere interpretazioni: “Chi beneficia di quest’azione terroristica sono i nemici della patria e della nazione, in primis Israele”.
Intanto, mentre aumenta di ora in ora il numero delle vittime sul suolo siriano, si attendono le nuove sanzioni della Lega Araba che andranno a colpire ulteriormente Damasco. La situazione dal punto di vista diplomatico per il momento resta sempre la stessa: da Mosca il ministero degli Esteri ha ribadito che “attualmente c’è bisogno non sono sanzioni e non sono pressioni, ma dialogo interno”. A quest'appello si sono implicitamente uniti i rappresentanti di Cina e dell’asse Brasile-India-Sudafrica. E mentre da New York il segretario generale dell’Onu, Ban Ki-moon si è detto pronto a sostenere gli sforzi della Lega Araba, il Comitato delle Nazioni Unite sulla tortura da Ginevra ha espresso “profonda preoccupazione” per i rapporti su gravi violazioni dei diritti umani in Siria, ed in particolare “i casi di tortura che hanno coinvolto anche bambini, in un clima di impunità”.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©