Cronaca / Sesso

Commenta Stampa

Due i kamikaze. Per il momento 30 morti e 55 feriti

Siria: doppio attentato. Colpita la sede dell’Intelligence

Uno degli attentatori sarebbe stato arrestato

Siria: doppio attentato. Colpita la sede dell’Intelligence
23/12/2011, 11:12

DAMASCO - Un doppio attentato kamikaze ha sconvolto questa mattina la città siriana di Damasco. Una prima bomba ha preso di mira un ufficio amministrativo della polizia, mentre la seconda è stata fatta esplodere contro una sede della sicurezza locale: dietro questo doppio attacco vi sarebbe la mano di Al Qaeda. Almeno è quanto viene riferito dalla tv di Stato siriana, per il momento unica fonte di informazione. Sono ancora poche le notizie che giungono al riguardo, ma a quanto pare si è trattato di due deflagrazioni molto potenti, messe in atto da due terroristi suicidi a bordo di due autobombe. Siamo nel centrale quartiere di Kafr Susa e, secondo alcune fonti, uno dei due edifici colpiti sarebbe la sede dell’intelligence siriana. Resta ancora imprecisato il numero delle vittime anche se per il momento sarebbe di 30 morti, in maggioranza civili, e 55 feriti il bilancio provvisorio. La polizia siriana intanto fa sapere di aver già arrestato un uomo , che quasi sicuramente sarebbe implicato in questa strage.
Si tratta di un ulteriore duro colpo per la Siria, il cui regime, da circa dieci mesi, sta già mettendo in atto una violenta e sanguinosa repressione nei confronti di un movimento di contestazione senza precedenti: è già di per sé alto il numero delle vittime di questa repressione, che ammonterebbe a 5.000 morti dal mese di marzo. Questi attacchi dinamitardi avvengono a poche ore dall’arrivo a Damasco della prima squadra di osservatori inviati dalla Lega Araba, ai quali spetterebbe il compito di preparare il terreno per la missione che dovrebbe iniziare a fine dicembre. Si sono presentati in 12 ieri all’aeroporto di Damasco, ma a quanto pare il loro arrivo non basterebbe a porre fine all’escalation di violenza che sta sconvolgendo il teriitorio siriano.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©