Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Emanato il verdetto del giudice unico

Sisma dell’Aquila: condannata la Commissione Grandi Rischi

"Non sono stati in grado di proteggere la popolazione"

Sisma dell’Aquila: condannata la Commissione Grandi Rischi
22/10/2012, 21:00

L'AQUILA- Il verdetto sul sisma dell’Aquila avvenuto nel 2009 è arrivato ed è stato molto severo: tutti e sette gli imputati infatti sono stati condannati a sei anni di reclusione, 2 in più di quelli che erano stati chiesti dall’accusa.

Franco Barberi, presidente vicario della commissione Grandi Rischi, Bernardo De Bernardinis già vice capo del settore tecnico del dipartimento di Protezione civile, Enzo Boschi, all'epoca presidente dell'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, Giulio Selvaggi, direttore del Centro nazionale terremoti, Gian Michele Calvi, direttore di Eucentre e responsabile del progetto C.a.s.e., Claudio Eva, ordinario di fisica all'Università di Genova e Mauro Dolce, direttore dell'ufficio rischio sismico di Protezione civile sono dunque colpevoli di omicidio colposo plurimo nei confronti di 29 persone e lesioni colpose per altre 4 ,  concesse invece le attenuanti generiche. Oltre alla condanna gli imputati sono stati condannati anche all’interdizione perpetua dai pubblici uffici.

La motivazione della condanna presa dal giudice unico Marco Billi va cercata nel modus operandi degli esperti della commissione in carica al momento del terremoto. Il 31 marzo infatti avrebbero rassicurato gli aquilani circa l’improbabilità di una forte scossa sismica che invece si verificò alle 3.32 del 6 aprile 2009.

«Una sentenza sbalorditiva e incomprensibile, in diritto e nella valutazione dei fatti» ha dichiarato l’avvocato Marcello Petrelli, difensore del professor Franco Barberi- poi ha aggiunto - una sentenza che non potrà che essere oggetto di profonda valutazione in appello».

«Avrà grosse ripercussioni sull’apparato della pubblica amministrazione. Nessuno farà più niente - ha detto invece l’avvocato Filippo Dinacci, difensore dell’ex vicecapo della Protezione civile e attuale presidente dell’Ispra De Bernardinis e del direttore del servizio sismico del dipartimento della Protezione civile Dolce. 

 

Commenta Stampa
di Simona Buonaura
Riproduzione riservata ©