Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il post-terremoto

Sisma in Emilia, muore la 25esima vittima

Più di 600 scosse in 16 giorni, incerta entità dei danni

Sisma in Emilia, muore la 25esima vittima
05/06/2012, 16:06

BOLOGNA -  La venticinquesima vittima. E' morta all'ospedale Maggiore di Bologna Sandra Gherardi, 46 anni, di Cento. Era ricoverata in gravi condizioni  nell'ospedale bolognese dal 29 maggio, dopo il crollo di un cornicione durante la scossa di terremoto. Presso lo stesso ospedale è ricoverato anche un altro paziente, gravemente ferito in seguito al sisma.  Dal 20 maggio a oggi sono state 638 le scosse,  13 di magnitudo pari o superiore a 4. Sono oltre 350 i feriti mentre quasi un milione gli abitanti coinvolti nei comuni prossimi all'epicentro, oltre 77mila le imprese industriali e artigianali, alle quali si aggiungono 14mila imprese agricole. A tracciare il bilancio è l'assessore regionale alla protezione civile Paola Gazzolo: le ultime scosse, ha sottolineato, hanno avuto effetti nefasti anche a livello psicologico sulla popolazione, in quanto sono arrivate quando sembrava che il peggio fosse passato e si potesse avviare la ricostruzione.
Il primo obiettivo, ha spiegato l'assessore, è censire "l'entità dei danni su tutto il patrimonio edilizio, stabilimenti produttivi, scuole, patrimonio". 
Le scosse telluriche hanno provocato danni considerevoli alle strutture sanitarie: sono stati evacuati gli ospedali di Mirandola, Carpi, Finale Emilia, Bondeno e numerose residenze per anziani.
Quasi 270 le scuole totalmente o parzialmente inagibili (le verifiche sono tuttora in corso). Le scosse del 29 maggio e del 3 giugno, dopo la prima del 20 maggio, hanno poi imposto nuove verifiche sugli edifici pubblici e sulle sedi di attività produttive.

Commenta Stampa
di GB
Riproduzione riservata ©