Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Tra i feriti anche due italiani e alcuni bambini

Slovenia, precipita mongolfiera. Quattro vittime


Slovenia, precipita mongolfiera. Quattro vittime
23/08/2012, 17:08

LUBIANA – Nei pressi di Lubiana, stamane, una mongolfiera ha preso fuoco ed è precipitata, provocando circa 28 feriti e 4 morti. I feriti, tra cui due italiani, hanno riportato gravi ustioni o ferite dovute alla caduta. Ventuno le persone ricoverate in un ospedale della capitale, mentre gli altri feriti sono stati trasferiti in diverse cliniche nella zona. La coppia di coniugi italiani, che sono assistiti da due funzionari dell'ambasciata italiana, era in viaggio turistico. L'uomo, napoletano, è stato già dimesso dall'ospedale, dove resta invece la moglie, sotto osservazione fino a domani.
L'incidente è avvenuto questa mattina verso le. Secondo una prima ricostruzione, a far precipitare la mongolfiera pare sia stata una tempesta improvvisa e, a causa dei forti venti, l’aerostato avrebbe urtato contro un albero. Dopo l'urto, avrebbe preso fuoco e alcuni turisti sono rimasti ustionati, altri si sarebbero lanciati a terra. Un quarto d'ora prima il pilota aveva chiesto l'autorizzazione all'atterraggio. Dalla tempesta sarebbe stata investita anche una seconda mongolfiera, che è riuscita però ad atterrare, seppur con difficoltà.
Incerto il numero delle vittime dal momento che la polizia ha ufficialmente confermato di aver ritrovato due corpi mentre siti internet sloveni continuano a sostenere che le persone morte sono quattro. Sulla mongolfiera, partita stamane verso le 5 per un volo panoramico, c'erano in tutto 32 persone.
Il pronto soccorso di Novo Mesto ha riferito di dare assistenza attualmente a cinque persone ferite: due italiani, due sloveni e un britannico. Invece al centro ospedaliero di Lubiana sono state accolte 21 persone, tra le quali sei bambini. Sei persone versano in condizioni gravi con ustioni al corpo. Per ora non è nota la nazionalità dei feriti soccorsi all'ospedale di Lubiana.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©