Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

In arrivo nuove sanzioni per tutti i trasgressori

Slow Fish 2011, Damanaki: "no alla pesca dei bianchetti"


Slow Fish 2011, Damanaki: 'no alla pesca dei bianchetti'
28/05/2011, 18:05

GENOVA – Bianchetti addio. Brutto colpo per gli amanti dei gustosissimi pesciolini, banditi non solo dalle tavole italiane ma anche da quelle europee.
“Il pesce deve essere lasciato crescere fino alla giusta misura”. Questo, l’aspetto principale, il succo del discorso del Commissario europeo alla Pesca, Maria Damanaki, madrina della quinta edizione dello Slow Fish 2011 di Genova. “Potremmo concedere deroghe sulla pesca, oggi proibita, di specie protette come i rossetti o i ricciarelli – spiega con fermezza la Damanaki – ma non su quella del novellame, come bianchetti e fragolini”.  Il Commissario, ha poi concluso ribadendo la necessità di “diffondere il consumo di pesce”, perché è uno degli “alimenti più nutrienti: studi scientifici hanno dimostrato che gli Omega 3 hanno incidenza sulla salute mentale e che c’è uno scarso sviluppo della mente dei bambini se ne vengono assunti pochi durante la gravidanza”. Intanto, a scoraggiare i trasgressori della pesca illegale, ci sta già pensando l'Unione Europea con una nuova serie di sanzioni.

Commenta Stampa
di Dario Palladino
Riproduzione riservata ©