Cronaca / Droga

Commenta Stampa

Smantellata piazza di spaccio ad Acerra


Smantellata piazza di spaccio ad Acerra
16/03/2013, 10:17

Continua la lotta alle piazze di spaccio dell'hinterland napoletano da parte delle forze di polizia. una piazza di spaccio è stata smantellata ieri sera grazie all'intervento degli agenti del Commissariato di Polizia Acerra, che hanno portato al'earresto di un 37enne e una 52enne entrambi di Acerra, ritenuti responsabili di detenzione di sostanza stupefacente ai fini dello spaccio in concorso.

I due, già noti ai poliziotti per i loro precedenti, soprattutto in materia di stupefacenti, erano da tempo sospettati di spacciare stupefacenti nel cortile di uno stabile di Corso della Resistenza. Ieri sera, a seguito di un appostamento, è stato quindi notato un certo andirivieni di tossicodipendenti. La donna si faceva consegnare il denaro presso il suo appartamento situato al piano terra dello stabile e poi saliva su dal complice al secondo piano, prelevava le dosi vendute e poi riscendeva giù per la consegna. Il modus operandi è andato avanti per diverse volte, sino a quando i poliziotti hanno deciso di inseguire e fermare uno degli acquirenti per accertare cosa avesse acquistato. Fermatolo in Corso Resistenza subito dopo l’acquisto, il tossicodipendente è stato sottoposto a perquisizione personale e trovato in possesso di una dose di cocaina.

A questo punto i poliziotti sono intervenuti per procedere ad una perquisizione dell’appartamento in uso al 37enne. L’uomo è stato sorpreso sulla rampa delle scale ed ha giustificato la sua presenza come casuale e legata ad una sua visita alla donna. Negando inoltre di utilizzare l’appartamento sospettato, ha costretto gli agenti a forzarne la porta d’ingresso per entrare.

All’interno, i poliziotti, oltre a tutto l’occorrente per il taglio ed il confezionamento, hanno rinvenuto circa 35 grammi di cocaina purissima, nonché 170 Euro in banconote di vario taglio. Il tutto è stato posto sotto sequestro mentre i due complici sono stati arrestati e condotti in carcere.

Commenta Stampa
di Fabio Iacolare
Riproduzione riservata ©