Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Impugnato il provvedimento davanti al Tar

Soldatessa denuncia: scartata perchè incinta

La vicenda sul sito del Ministero della Difesa

Soldatessa denuncia: scartata perchè incinta
03/01/2011, 15:01

ROMA - Sono tanti i casi di donne che nel mondo del lavoro vengono vessate o licenziate perchè incinte; ma ora questo malcostume entra anche nell'esercito italiano. Almeno questa è la denuncia che compare sul sito del comparto Sicurezza e Difesa Grnet.it. Vittima di questa situazione, una giovane caporalmaggiore che, dopo aver servito nelle Forze Armate per cinque anni (due periodi di ferma breve), non ha potuto partecipare al concorso per diventare effettiva dell'esercito. E questo solo perchè era incinta.
Naturalmente è stato proposto ricorso al Tar del Lazio in quanto è stata violata la norma che stabilisce che l'essere incinte è un impedimento solo temporaneo (e se ci vuole una norma per stabilire questa ovvietà... ndr) all'accertamento dell'idoneità del candidato.
Nella descrizione di ciò che è avvenuto, c'è un particolare incredibile, che viene raccontato dall'Avvocato Giorgio carta, che assiste la soldatessa: il fatto che la commissione medica concorsuale avrebbe "reiteratamente rinviato le visite previste avvertendo che lo stato di gravidanza sarebbe stato causa di inidoneità se si fosse protratto oltre il termine finale del concorso: come se la ragazza potesse accelerare o contrarre il tempo fisiologico della gestazione". Già questo basta a capire l'assurdità della situazione

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©