Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Incremento anche per il partito del Carroccio

Sondaggio Tecnè: in calo Pdl e Pd, salgono Idv e Sel


Sondaggio Tecnè: in calo Pdl e Pd, salgono Idv e Sel
18/02/2011, 16:02

Consenso in discesa per Pdl e Pd. Si conferma il trend positivo della Lega Nord che, tuttavia, non riesce a ripianare la perdita di preferenze del centro destra che viene drenata dalle forze del Terzo Polo, in prima battuta dall’Udc. Nell’area del centrosinistra si registra una crescita moderata per Idv e più marcata per Sinistra Ecologia e Libertà, a cui fa da contrappunto una flessione della componente comunista rappresentata da Rifondazione e Pdci. È il quadro delle intenzioni di voto degli italiani a febbraio (confrontato con i dati di gennaio), che emerge dalla rilevazione effettuata da Tecnè (consultabile integralmente sul sito www.tecne-italia.it) e sul sito Ign, testata on line del gruppo Adnkronos. Dal sondaggio, realizzato su un campione di 5000 interviste distribuite sull’intero territorio nazionale, si rileva una sostanziale stabilità nell’area del consenso (ovvero tra quelli che hanno indicato un partito). A febbraio, il primo partito nelle intenzioni di voto degli italiani, resta il Pdl con il 32% (-0,8% rispetto al mese precedente e -2,4% del dicembre 2010). Nell’area di governo la Lega tocca quota 9% e aumenta di uno 0,3% nel raffronto con gennaio. In calo la Destra di Francesco Storace che dal 2,8% di gennaio, decresce di quasi un punto e si attesta al 2%. Partito guida dell’opposizione, in termini di raccolta delle preferenze, resta il Pd con il 27,5 del mese corrente, ma i democratici pagano una flessione dell'1,1% rispetto a gennaio (28,6). Mezzo punto lo guadagna l'Idv, che dal 6% del mese scorso si posiziona al 6,5%, mentre Nichy Vendola e Sel viaggiano al 4,5% con un incremento di 1,2 punti rispetto a gennaio. In leggero avanzamento l'abbinata Rifondazione - Pdci con il 2% e un incremento dello 0,3% in raffronto a gennaio quando aveva l'1,7. C'e' poi l'area del Terzo Polo, in cui emerge il 6% dell'Udc di Pier Ferdinando Casini che si porta a casa un guadagno dello 0,7% in raffronto al 5,3 di gennaio. Gianfranco Fini e Fli raccolgono il 4% (a gennaio la rilevazione era al 3,9), mentre non registra sostanziali cambiamenti il dato di Alleanza per l'Italia con l'uno per cento a febbraio e 0,9% a gennaio.

Commenta Stampa
di redazione
Riproduzione riservata ©