Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Salvati dai vigili del fuoco

Sono salvi i tre speleologi bloccati in grotta


Sono salvi i tre speleologi bloccati in grotta
05/07/2009, 10:07


I tre speleologi intrappolati per oltre quaranta ore in una grotta sui Monti Alburni, nel Salernitano, sono stati infatti riportati in superficie dagli uomini del soccorso alpino e dai vigili del fuoco. Antonio De Leo, di 43 anni di Lecce, è stato il primo a uscire, alle 23.40 circa di ieri, seguito nel giro di pochi minuti da Cosimo Leone, 30 anni, brindisino e da Gianluca Selleri, leccese, di 36. Le loro condizioni di salute non destano preoccupazione anche se sono stati comunque sottoposti a una visita medica. Grande commozione alla loro uscita dalla grotta. Stanchi ma felici gli uomini dei Vigili del fuoco e del Corpo di soccorso. I tre speleologi hanno raccontato solo pochi particolari della loro disavventura, confessando di non aver mai perso la speranza. Inoltre hanno detto di aver collaborato dall'interno per rimuovere il fango dal sifone che ostruiva l'uscita. De Leo, Leone e Selleri erano rimasti intrappolati a circa 75 metri di profondità a causa di un improvviso temporale che aveva riempito d'acqua e di melma un sifone di collegamento di una settantina di metri. Sul posto, in località Vallicelli, nel Comune di Monte San Giacomo, erano giunte le squadre dei vigili del fuoco di Salerno e di Roma, i tecnici del Soccorso Speleologico del Corpo di Soccorso Alpino, i sommozzatori provenienti da Salerno e i carabinieri, oltre a medici e sanitari

Commenta Stampa
di Vincenzo Rubano
Riproduzione riservata ©