Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sorpreso a pranzo dopo aver inscenato un furto con la tecnica del finto incidente


Sorpreso a pranzo dopo aver inscenato un furto con la tecnica del finto incidente
09/07/2009, 13:07

Domenico SORGENTE, 42enne con pregiudizi di Polizia, è stato arrestato, nel pomeriggio di ieri, dagli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale della Questura di Napoli, perché responsabile, in concorso con altra persona, del reato di rapina aggravata, nonché detenzione e porto di arma.
SORGENTE ed il suo complice, nella zona di Capodimonte, a bordo di ciclomotore, alle prime luci dell’alba, utilizzando la tecnica del “finto incidente”, hanno urtato un’autovettura Ford Fiesta.
 Il conducente, al fine di constatare il danno, è disceso dall’auto.
Quei pochi secondi sono serviti a SORGENTE a salire a bordo dell’autovettura e ad impossessarsene, per poi fuggire in direzione di Via Miano.
Nell’autovettura la vittima, oltre ad effetti personali, custodiva due telefoni cellulari ed un navigatore satellitare di marca Tom Tom.
L’autovettura, munita di antifurto satellitare, dopo l’allarme scattato alla Sala Operativa della Questura, è stata rintracciata dai poliziotti alla II traversa del Corso Secondigliano, priva dei cellulari e del navigatore.
Gli agenti della Polizia Scientifica, dopo aver eseguito i rilievi del caso, sono riusciti ad estrapolare le impronte di SORGENTE, pregiudicato del rione Berlingieri.
I poliziotti, recatisi presso la nuova residenza in Giugliano in Campania, hanno sorpreso l’uomo mentre era intento a pranzare.
SORGENTE pur di sottrarsi all’arresto, ha tentato vanamente l’ultimo espediente, ossia quello di riferire ai poliziotti che era un ospite in quella casa, invitato a pranzo e, pertanto, non era lui l’uomo che stavano cercando.   
Gli agenti, avendolo riconosciuto dalla foto segnaletica, lo hanno bloccato.
L’uomo, all’interno di una intercapedine ubicata sotto il piano terra dello stabile, aveva nascosto, in un sacchetto di plastica, i due telefoni cellulari ed il navigatore satellitare Tom Tom, restituiti poi alla vittima
Del portafoglio, contenente oltre ai documenti personali anche una carta bancomat, SORGENTE, dopo aver tentato di prelevare i soldi presso uno sportello di un’agenzia di credito, se ne era liberato buttando il tutto in un contenitore per i rifiuti.
I poliziotti hanno arrestato SORGENTE conducendolo al carcere di Poggioreale.  

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©