Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sorpreso a rubare scooter vicino al Liceo Umberto: arrestato


Sorpreso a rubare scooter vicino al Liceo Umberto: arrestato
27/09/2011, 15:09

Questa mattina, gli agenti del Commissariato di Polizia “San Ferdinando” impegnati nel servizio di “Poliziotto di Quartiere”, hanno sorpreso ed arrestato un 52enne napoletano, per il reato di rapina impropria.

Gli agenti stavano perlustrando Piazza Amendola passando vicino al Liceo “Umberto”, quando hanno notato il 52enne in sella ad un ciclomotore, che usciva da un parcheggio posto sul lato destro del noto Istituto Scolastico. L’atteggiamento dell’uomo, unito al fatto che dal blocchetto di accensione si vedeva sporgere un piccolo arnese a forma di cavatappi, hanno indotto i poliziotti ad intervenire.

Il misterioso aggeggio altro non era che uno di quegli arnesi solitamente utilizzati dai ladri di ciclomotori per scassinare i blocchetti di accensione ed averlo notato ha dato ai Poliziotti di Quartiere la certezza di trovarsi di fronte ad un ladro colto in flagranza di reato.

A questo punto si sono posti davanti all’uscita del parcheggio per impedire al sospetto ladro di uscire e far perdere le proprie tracce. Il 52enne anziché fermarsi ha però accelerato investendo un poliziotto. L’agente è stato quindi trascinato per alcuni metri sino a quando il fuggitivo e lo stesso motociclo non gli sono caduti addosso.

Il ladro è stato pertanto arrestato mentre il poliziotto è stato condotto all’Ospedale “Fatebenefratelli” dove i sanitari lo hanno medicato e giudicato guaribile in 5 giorni.

Il ciclomotore, privato del blocchetto di accensione, è stato consegnato al legittimo proprietario e l’arnese per lo scatto è stato sequestrato.

Il 52enne, già condannato per false attestazione sull’identità ad un pubblico ufficiale e sottoposto all’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria del Commissariato Decumani per tre volte la settimana, è stato quindi subito condotto alla Casa Circondariale di Poggioreale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©