Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

E' coinvolto, con l'accusa di tentativo di rapina

Sotto inchiesta il marito di ex consigliera di municipalità

Respinta richiesta di arresto per marito di Nunzia Stolder

Sotto inchiesta il marito di ex consigliera di municipalità
21/09/2011, 18:09

 Il boss Raffaele Stolder, capo del clan finito sotto scacco nell'odierna operazione anticamorra, è il padre di Nunzia, la cui candidatura alla municipalità nella lista del Pdl alle ultime elezioni amministrative suscitò molte polemiche. A maggio, tuttavia, Nunzia Stolder - che ha sempre affermato di avere tagliato i rapporti con la famiglia e di essere estranea alla criminalità organizzata - non riuscì a bissare il successo delle precedenti amministrative, quando era stata eletta con Forza Italia. Nell'inchiesta è coinvolto, con l'accusa di tentativo di rapina, anche il marito di Nunzia, Antonio Esposito: per lui i pm avevano chiesto l'arresto, ma la richiesta è stata respinta dal gip per il quale Esposito «non si occupa personalmente delle rapine e dei furti, quanto piuttosto delle proprietà nelle quali il gruppo reinveste proventi illeciti». Nell'ordinanza si fa riferimento ad un'intercettazione ambientale del marzo 2008 nella quale «in auto Stolder, Raffaele, e la moglie commentano che devono parlare con Nunzia ed Antonio dal momento che quest'ultimo ha la possibilità di contattare un politico perchè è 'il periodo in cui si va a parlare con tutti i politici». In un'altra intercettazione Patrizia Ferriero, moglie di Raffaele Stolder, chiede aiuto al genero: la donna «ha da poco acquistato un immobile - sintetizza la Dia - e chiede al genero Antonio di passare un attimo da casa, perchè deve chiedergli una notizia relativa ad una casa della Curia, ubicata nei pressi della sua abitazione».

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©