Cronaca / Droga

Commenta Stampa

Il blitz dei militari nel rione Poverelli

Spaccio e aggressione ai carabinieri: 4 arrestati


.

Spaccio e aggressione ai carabinieri: 4 arrestati
27/11/2009, 11:11

TORRE ANNUNZIATA - Sono quattro le persone arrestate  martedì sera dai carabinieri di Torre Annunziata per spaccio di droga, resistenza e violenza a pubblico ufficiale.
A finire in manette, padre, madre figlia e un amico di famiglia. Si tratta di Alessio Ferraiuolo, 50 anni, Teresa Arborea, 49enne, la figlia della coppia Rita Ferraiuolo e Gaetano Monaco, 52 anni, volto già noto alla giustizia.
L’operazione è scattata nel rione Poverelli, una delle principali piazze dello spaccio del territorio oplontino e roccaforte del clan Tamarisco.
I militari della locale stazione, agli ordini del capitano Luca Toti  e del tenente Francesco Panebianco, hanno perquisito l’abitazione dei coniugi Ferraiuoli: rinvenuti 3 grammi di cocaina pura e 55 euro in contanti, probabilmente proventi dell’attività illecita. In particolare la droga era nascosta tra gli indumenti della donna.
Al momento del controllo dei carabinieri, nell’appartamento era presente anche Monaco, pregiudicato sottoposto alla sorveglianza speciale e dunque, per la violazione della misura di prevenzione, anche per l’uomo è scattato il fermo. Intanto mentre i militari procedevano all’arresto dei tre, la figlia della coppia, aiutata da un piccolo gruppo di persone, ha aggredito i carabinieri per favorire la fuga dei genitori e di Gaetano Monaco. Tentativo fallito e terminato con l’arresto anche della 27enne accusata di violenza e resistenza a pubblico ufficiale.
I quattro hanno trascorso una notte nelle celle di sicurezza della caserma dei carabinieri e nella mattinata di ieri, sono stati processati per direttissima. Convalida dell’arresto per tutti e quattro: per Alessio Ferraiuolo, la moglie e Monaco disposta la custodia cautelare in carcere; Rita Ferraiuolo è stata invece scarcerata. Il processo è stato quindi rinviato al prossimo 7 dicembre.

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©