Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

Ha cercato di rapinare una coppia di ucraini

Spari nel traffico, arrestato l'ex boss Stolder


.

Spari nel traffico, arrestato l'ex boss Stolder
22/10/2009, 22:10

NAPOLI – Scene da far west firmato camorra a Napoli, dove è stato arrestato Raffaele Stolder, ex capo dell’omonimo clan, legato ai Giuliano, una volta egemone nel quartiere Forcella. L’uomo, 50 anni, è stato bloccato giovedì scorso in via Cristoforo Colombo, nei pressi della chiesa di Santa Maria in Portosalvo, a pochi passi dal Porto di Napoli; per lui è scattato l’arresto per rapina aggravata, tentato omicidio, porto e detenzione di arma da sparo, spari in luogo pubblico, ricettazione dell’arma, resistenza, lesioni e minacce a pubblico ufficiale e per inosservanza alla sorveglianza speciale a cui era sottoposto.
A bloccarlo, un ‘falco’ della Squadra Mobile, libero dal servizio. L’agente era in strada quando ha sentito diversi colpi di arma da fuoco ed ha visto una Mercedes arrivare in senso contrario di marcia da via Marina in direzione di piazzetta Porto Salvo; Stolder era appeso al finestrino della vettura, con la testa e parte del busto all’interno. Il poliziotto è sceso dalla vettura su cui si trovava e, insieme a due colleghi della Digos, dopo una violenta colluttazione è riuscito a bloccare il cinquantunenne.
Secondo la ricostruzione la Mercedes, sulla quale viaggiavano due cittadini ucraini, era stata ‘assaltata’ già in piazza Mercato da due uomini in sella ad uno scooter; uno dei due aveva tentato di infrangere il finestrino lato guida e, non riuscendoci, aveva spalancato lo sportello per afferrare il borsello dell’uomo; il suo complice, intanto, dopo una colluttazione era riuscito a strappare alla donna una borsa contenente 900 euro. L’ucraino che era alla guida era riuscito a difendere il proprio borsello ed era fuggito lungo via Marina; Stolder ed il complice, però, non si erano dati per vinti: avevano inseguito la vettura ed il cinquantunenne era riuscito ad infilarsi nel finestrino per tentare nuovamente di afferrare il borsello.
A quel punto, dopo le minacce, Stolder ha aperto il fuoco premendo il grilletto quattro volte; la vittima è riuscita a deviare la mira spostando la mano del cinquantunenne, ma è egualmente rimasta ferita di striscio ad una gamba. Pochi istanti dopo sono intervenute le forze dell’ordine.
Stolder è stato dapprima accompagnato all’ospedale “Loreto Mare”, per ferite di poco conto, poi è stato trasferito al carcere di Poggioreale. Il cittadino ucraino è invece stato accompagnato all’ospedale Ascalesi. Al momento le indagini sono ancora in corso; nonostante le due vittime parlino di un tentativo di rapina, gli agenti cercano di scoprire se dietro l’episodio si cela altro.
Raffaele Stolder è fratello di Amalia Stolder, moglie di Carmine Giuliano, ex boss di Forcella deceduto; è stato scarcerato nel 2008 dopo aver passato molti anni in carcere in regime di 41bis anche per traffico internazionale di droga. Dalla sua scarcerazione è sottoposto all’obbligo di firma.


La notizia è stata aggiornata dopo la pubblicazione iniziale.
Ultimo aggiornamento 28/10/2009

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©