Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Pdl: “Quello che chiediamo da tempo”

Spending rewiev, Remaschi: “A causa dei tagli ripensare il piano sanitario”


Spending rewiev, Remaschi: “A causa dei tagli ripensare il piano sanitario”
19/07/2012, 20:23

A causa dei tagli alla spesa sanitaria previsti dalla spending review del Governo "s'impone la necessità di compiere una approfondita revisione della proposta di Piano sanitario e sociale regionale integrato, così da poterne certificare la coerenza e compatibilità con il monte risorse sul quale la Regione Toscana potrà contare per il futuro". Sono queste le parole del presidente della commissione sanità del Consiglio regionale toscano Marco Remaschi (Pd).
Secondo Remaschi bisogna svolgere "una riflessione che sia propedeutica ad un aggiornamento di un atto che, costituendosi come strumento fondamentale della programmazione delle politiche socio-sanitarie per la Toscana, deve necessariamente garantire una totale corrispondenza col quadro finanziario di riferimento". In una nota si legge che il presidente della commissione sanità del Consiglio regionale toscano intende avviare un confronto di merito, in stretto raccordo con l'assessore al diritto alla salute Luigi Marroni, per conoscere più nel dettaglio le linee di intervento che la Giunta sta studiando per riuscire a tutelare qualità e quantità dei servizi sociosanitari.
Attraverso una nota del Pdl si evince che il vicepresidente della commissione Stefano Mugnai esprime apprezzamento per la richiesta di Remaschi. "E' ciò che chiediamo da tempo soprattutto perché l'attuale bozza di Piano è ormai superata dagli eventi. Per questo siamo felici di constatare che in alcuni esponenti della maggioranza prevalga il buon senso su una materia tanto delicata per i cittadini qual è la sanità". "Per questo - aggiunge - oggi ho domandato a Remaschi se questa sia una posizione sua personale, per quanto come presidente assolutamente autorevole, o condivisa dal gruppo Pd e dalla maggioranza che su questo negli ultimi giorni esterna in ordine sparso”.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©