Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il sindacato non è soddisfatto delle risposte di Masi

Spese Minzolini: l'Usigrai chiede che intervenga la magistratura


Spese Minzolini: l'Usigrai chiede che intervenga la magistratura
02/02/2011, 13:02

ROMA - Non è bastata all'Usigrai la risposta che Masi, in una lettera, ha dato al consigliere di minoranza Nino Rizzo Nervo sulle spese che Augusto Minzolini ha fatto tra agosto e settembre 2010, pari ad oltre 86 mila euro. E quindi il sindacato, attraverso il suo segretario Carlo Verna, ha fatto una nota, in cui esprime il proprio dissenso: "Vogliamo una chiarezza fatta da chi è terzo e indipendente. Crediamo che la magistratura possa procedere di ufficio per dire a noi e a tutti i cittadini se siano stati commessi reati. Immaginiamo possa eventualmente sanzionare anche chi aveva il dovere di vigilare e non lo ha fatto. Incredibile a dirsi siamo oltre le figuracce in diretta telefonica. La lettura dei giornali sulle questioni della Rai di Masi è sempre stupefacente. I numeri di protocollo indicati e relativi ai carteggi interni ci risparmiano anche il condizionale. Le super spesi di Minzolini una sorta di benefit compensativo? La Rai le ha trattate così anche dal punto di vista fiscale e previdenziale,pagando il dovuto ad erario e Inpgi? Che traccia di tale benefit c'è nel bilancio Rai? Fatti e giustificazioni  sono uno schiaffo a tutti i dipendenti  cui è stata chiesta austerity, addirittura con una circolare con cui si limitano le trasferte. Noi dell'Usigrai non ce lo terremo".
Anche Giuseppe Giulietti, portavoce dell'associazione articolo 21, fa la stessa richiesta: "Dal momento che per Masi le carte di credito sono un beneficio valido per tutti, non avrà difficoltà a passare il rapporto dei suoi ispettori alla magistratura e alla Corte dei Conti per una valutazione più approfondita".
SI affida invece all'ironia Pancho Pardi, senatore Idv: "Come si può giustificare il denaro sperperato da Minzolini come 'benefit compensativi' ? E se fosse perché nessun altro direttore 'compensa' e lui sì? E che cosa compensa?  E quali altri direttori di rete vanno in missione giornalistica in paradisi vacanzieri come Ischia, Capri, Taormina, Marrakech, proprio nei weekend? Tutto questo è francamente ridicolo, ormai il drettore generale si auto-destituisce di ogni autorità".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©