Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

SPIAGGIA CAPOMISENO: DEGRADO NONOSTANTE IL TICKET


SPIAGGIA CAPOMISENO: DEGRADO NONOSTANTE IL TICKET
28/08/2008, 14:08

Gentile redazione negli ultimi anni a Capomiseno la possibilità di poter stare sulla spiaggia e farsi un bagno in tranquillità è fortemente compromessa da diversi problemi.

Innanzitutto sono ormai scomparse le aree riservate ai residenti del comune di Bacoli, se non fosse per lo stabilimento della Marina Cral che è l’unico che ha lasciato uno spazio dignitoso ai residenti.
 
Negli ultimi due anni invece, gli stabilimenti militari della marina militare e dell’esercito hanno ridotto drasticamente gli spazi riservati ai residenti del comune di Bacoli. In aggiunta alcune spiagge libere presenti a Capomiseno sono diventate spiagge a pagamento, sia per i residenti che non, gestite dal comune.
Il costo di un ombrellone più sedia o la sdraio per i residenti e di circa 10 euro escluso il parcheggio ovviamente di almeno 5 euro, 16 euro invece per i normali bagnanti.
Questa situazione già era stata segnalata con insistenza dall’anno scorso in quanto molti di noi sostenevano come anche ora che la marina militare ed anche altri lidi militari non si erano tenuti all’ordinanza sindacale 192 del 2007 del comune di Bacoli che prevede di fissare i cordoni supportati da paletti per formare il limite a 5 metri dalla battigia. Siccome nel lido della marina non c’era un varco di accesso tra gli stabilimenti ed essendo la recinzione continua, chiunque specialmente gli anziani e i disabili che attraversano lo stabilimento dovevano necessariamente passare per la battigia e bagnarsi sempre che non volessero scavalcare la recinzione.
Speravamo che quest’anno le cose cambiassero ed invece sono ancora peggio.
L’area riservata ai residenti del comune di Bacoli che offre la marina militare è diventata una striscia di terra se paragonata a quella degli anni scorsi.
La recinzione presente che risulta sempre troppo vicina alla battigia a nostro parere offre più varchi al suo interno, ma non è presente un varco per l’accesso tra gli stabilimenti creando un percorso obbligatori attraverso la battigia.
Il lido dell’esercito, che presenta molto più spazio, anche se lo hanno recintato lasciando uno spazio libero molto più ampio rispetto alla marina, ha lasciato tutto uno spazio giancente inutilizzato ne dai militari ne dai bagnanti.
Molti di noi che l’anno scorso si sistemavano nell’area dei residenti della marina ora si sono spostati nell’area libera dell’esercito. Vi è ora una specie di sovrappopolazione in quest’area, in quanto siamo tutti ammassati. Altri di noi si mettono in questa lunga fascia dell’esercito inutilizzata.
Visto che è vietato giocare sulla battigia, perché i bagnanti possano avere una pallonata anche in faccia dai ragazzi, e questo è causa di questioni che succedono ogni anno sulla spiaggia, abbiamo chiesto di mettere un campo da beach volley nel lido dell’esercito, come era presente diversi anni fa, come attività ludica per i giovani presente in altri stabilimenti come quello dell’aeronautica.
Il responsabile dello stabilimento il maresciallo Perfetto Antonio referente del generale Russo Marco ci ha risposto che non c’era lo spazio disponibile e che avrebbero provveduto a metterlo d’inverno cioè da ottobre fino ad aprile <<quando non c’è nessuno dei ragazzi che possa utilizzarlo>>.
Abbiamo chiesto anche di tenere più pulita la spiaggia visto gli enormi ammassi di rifiuti presenti su  di essa e la mancanza di cestini.
Quando l’esercito ha recintato il territorio. La zona soprastante e, cioè quella dove risiedono i militari, era più pulita rispetto allo zona sottostante libera. Tuttavia hanno messo diversi cestini per la spazzatura lungo la recinzione. Purtroppo l’inciviltà dei ragazzi e la non educazione da piccoli porta a trovarsi in queste situazioni spiacevoli.
Vi faccio un esempio perché noi prendiamo il caffè? Per abitudine e per consuetudine perché da piccoli siamo abituati ad andare al bar con gli amici e i colleghi, compagni etc? Se i giovani fossero abituati a fare la differenziata da piccoli automaticamente da grandi per abitudine starebbero più attenti a non trovarsi nella stessa immondizia che lasciano ogni giorno.
Purtroppo da diversi giorni i cestini dell’immondizia sono stracolmi di rifiuti e non vengono ripuliti, lasciando dei cattivi odori a chi si mette vicino alla recinzione. Inoltre alcuni vandali hanno lasciato verso i cestini ricolmi di rifiuti anche borse da mare, tavolette da surf rotte e persino sedie a sdraio ombrelloni rotti. Tali comportamenti rappresentano il nostro stato di inciviltà.
Siccome il maresciallo Perfetto aveva dichiarato che non vi era lo spazio per mettere il campo da beach volley, quando siamo andati a evidenziare il contrario ed egli ci ha risposto che lo spazio ci sta, ma per i tempi di attesa bisogna inviare la pratica dal comandante di Napoli al responsabile esterno ed altre cose. Inoltre essendo la nostra una petizione di bagnanti residenti e non del comune di bacoli ci ha chiesto una carta ufficiale del comune che gli ha dato poi l’assessore allo sport del comune di Bacoli Roberto Laringe, ma a tutt’ ora nessuno a provveduto a mettere niente sullo spazio vuoto ed inutilizzato dell’esercito.
La marina militare in seguito alla petizione presentata l’anno scorso per i limiti non rispettati ha risposto attraverso il suo portavoce il comandante Bruno Puzone Bifulco che non è possibile modificare l’assetto dello stabilimento, cosa non veritiera perché negli anni precedenti agli ultimi due la zona soprastante del lido della marina era riservata ai militari e la zona sottostante ai residenti.
C’è da dire anche che una parte dei residenti non ha piacere che ci sia il ticket dei 5 euro sulle spiagge di Capomiseno, ticket che rappresenta una vera e propria estorsione ai bagnanti di Capomiseno e che se fosse corretto verrebbe messo non all’ingresso, ma bensì all’uscita dai lidi permettendo cosi  a chi non voglia andare sulle spiagge, ma ai ristoranti o a trovare qualche amico residente in quella zona di pagare all’uscita ed essere esentato se si esibisce lo scontrino fiscale del ristorante.
Il ticket inoltre causa enormi file di traffico che si formano già a partire dal lago Lucrino e specialmente lungo la strada di accesso ai lidi, che causano solo inquinamento e disagio ai residenti delle zone interessate e comunque questo ticket in passato era stato anche abolito, in seguito anche alle proteste delle catene dei ristoranti presenti a Miseno, come nel 2004. Poi fu rimesso in seguito alle elezioni del comune di Bacoli nel 2005 dove vi un movimento di protesta.
Molti di noi vengono da anni a Capomiseno, e veniamo per divertirci e per riposarci dopo un lungo anno di lavoro e di studio e non è giusto che veniamo trattati cosi specialmente chi è  residenti.
Pertanto stiamo raccogliendo le firme che verranno inviate domani, per chiedere dall’anno entrante una spiaggia, di almeno 500 metri , riservata interamente ai residenti del comune di Bacoli ad uso esclusivamente gratuito.
La possibilità di avere un parcheggio gratuito riservato ai residenti del comune di Bacoli.
La possibilità di partecipare durante il periodo estivo alla messa domenicale nel lido dell’esercito appartenente alle forze armate, come già negli anni scorsi in esso veniva dato spazio alle funzioni religiose ora presenti solo in altri lidi.
L’abolizione dei 5 euro per l’accesso ai lidi specialmente per i comuni limitrofi come il Monte Procida. Soldi che avrebbero dovuto fornire più servizi alla cittadinanza, ma che invece a parere di molti mancano.
Inoltre chiediamo che ci sia una vigilanza sul lido dell’esercito per controllare non i ragazzi che giocano sulla battigia che dovrebbero invece avere un area ludica a loro dedicata come abbiamo richiesto, bensì per controllare chi lascia e abbandona i rifiuti sulla spiaggia. Infatti nella zona libera dell’ esercito vi è di tutto, buste, residui di cibo, bicchieri, piatti, bottiglie di vetro e di plastica, molti ceppi di falò ed maggiormente per la sera e la notte dove sugli stabilimenti si organizzano continuamente falò, party e feste private senza autorizzazione che incrementano il numero di rifiuti sulle spiagge. C’è da dire che è diventato anche pericoloso andare di sera su queste spiagge perché la microcriminalità vi presidia assiduamente, infatti risse e colluttazioni sono all’ordine del giorno. Accadono specialmente il giorno di ferragosto dove l’alcol e droga portati sulla spiaggia dalle comitive rendono i ragazzi più aggressivi e più predisposti a piacevoli scontri.
La sorveglianza sulle spiagge a ferragosto è presente, ma quando succedono questi scontri si fa finta di non vedere e non c’è nessuno che separa questa gente che in gruppo anche con sedie e mazze di legno si azzuffano fino all’estremo. Ricordo tra queste risse le urla di una ragazza che urlava, “assassino lo ai ucciso! e si scagliava contro quell’elemento.
La maggior parte di noi che assiste a questi spettacoli lugubri e disgustosi non può fare altro che prendere le sue cose e spostarsi sempre che i propri oggetti personali ci siano ancora, infatti i furti di borse se non c’è nessuno di noi che controlla le cose sono un occorrenza piuttosto frequente.
Diversi amici che conosco a ferragosto, ma anche in pieno giorno sono stati derubati dei loro oggetti personali.
Noi crediamo che il sindaco stia trascurando i suoi cittadini e forse raccoglieremo le firme per presentare una mozione di sfiducia contro il sindaco Coppola perché a parere nostro favorisce gli stabilimenti militari, facendo pensare a una gestione privatistica dei lidi, a differenza dei suoi cittadini.
La petizione con oltre 50 firme sia dei residenti de comune di Bacoli e dei bagnanti di Capomiseno domani verrà inoltrata:
Al Sindaco del Comune di Bacoli
Alle Forze Armate Esercito
Alle Forze Armate Marina Militare Segreteria Comando
Alla Capitaneria di Porto
Alla Procura Militare della Repubblica
All’Assessore regionale alle Pari Opportunità
Al Ministro delle Pari Opportunità Mara Carfagna 
 
 

Dott. Giovanni Romano  

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©
LE ALTRE FOTO.
accesso area riservata ai residenti del comune di Bacoli marina Cral
Area riservata ai militari
Area riservata ai residenti del comune di bacoli
Area riservata ai residenti del Comune di Bacoli 2
Cartello area riservata ai residenti del comune di Bacoli Marina Cral
Cestini immondizia esercito
Cestini immondizia esercito 2
Deposito dell'esercito per i rifiuti 2
Esercito: spazi inutilizzati 1
Falo
Limite dell'Esercito
Rifiuti
Rifiuti 2
Rifiuti 3
Spazio libero dell'esercito con rifiuti
Spazio libero dell'esercito con rifiuti 2