Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il Progetto Liberi contro il racket delle estorsioni

Sportello Antiusura a Pozzuoli: la forza della denuncia


Sportello Antiusura a Pozzuoli: la forza della denuncia
01/09/2010, 12:09

POZZUOLI (NA) - In questo momento di recessione, le organizzazioni criminali ne approfittano, praticando estorsioni e prestiti ad usura.
Si tratta di un reato che commette chi concede prestiti ad un tasso d'interesse superiore al cosiddetto "tasso soglia", che si calcola aumentando del 50% il tasso effettivo globale medio relativo ai vari tipi di operazione creditizia, rilevato ogni tre mesi dal Ministero del Tesoro.
A partire dal 2006 sul territorio flegreo, dove tale fenomeno è dilagante e di difficile emersione, opera lo Sportello Antiusura, sorto dalla collaborazione tra l'associazione "Occhi sul mondo" e la Caritas Diocesana di Pozzuoli.
Un'ancora di salvezza per scongiurare il pericolo che persone in difficoltà, non potendo ottenere un credito bancario, si rivolgano agli usurai.

Il progetto Liberi- dichiara la responsabile dello Sportello Antiusura, Domenica Centola- si rivolge alle persone economicamente più deboli e maggiormente esposte al rischio dell’usura; con il passare degli anni, è aumentato il numero degli utenti e ci sono stati casi di denunce a scapito degli strozzini. Prima si trattava essenzialmente di imprenditori, ora invece sono numerose le famiglie disagiate che chiedono il nostro aiuto. Il nostro sportello fornisce, gratuitamente, diverse tipologie di consulenza, a partire da quella aziendale a quella legale; spesso organizziamo corsi di formazione e progetti che coinvolgono anche le scuole. Molti si rivolgono allo Sportello per essere aiutati a riscuotere i benefici del fondo di solidarietà istituito presso il Ministero dell’Interno a favore delle vittime che hanno denunciato”.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©