Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

De Vito non risponde alle domande del Gip

Stadio Roma: indagato per corruzione anche Frongia, fedelissimo della Raggi


Stadio Roma: indagato per corruzione anche Frongia, fedelissimo della Raggi
21/03/2019, 16:32

ROMA - Anche Daniele Frongia - assessore allo Sport, vice sindaco del Comune di Roma e fedelissimo del sindaco Virginia Raggi - è indagato per corruzione nell'ambito della vicenda dello stadio della Roma. A tirarlo in ballo sarebbe stato l'imprenditore Luca Parnasi, che l'avrebbe finanziato per avere il nome di una persona da assumere in una delle sue società per mantenere le relazioni con il Comune. Frongia avrebbe indicato una sua amica, ma poi l'assunzione sarebbe saltata a causa dell'arresto di Parnasi. La replica dell'assessore indagato è stata: "Con il rispetto dovuto alla magistratura inquirente, avendo la certezza di non aver mai compiuto alcun reato e appurato che non ho mai ricevuto alcun avviso di garanzia, confido nell'imminente archiviazione del procedimento risalente al 2017". 

Intanto il presidente del Consiglio Comunale, Marcello De Vito, arrestato ieri, si è avvalso della facoltà di non rispondere all'interrogatorio davanti al Gip. Il suo legale ha spiegato che si sarebbe trattato di una scelta tecnica, per consentirgli di preparare meglio la difesa e che De Vito chiederà di essere sentito nei prossimi giorni. Camillo Mezzacapo, arrestato con De Vito, ha detto di non aver mai percepito tangenti ma solo "compensi per attività professionali, curavo transazioni e attività che si svolgono di norma nella pubblica amministrazione". 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©