Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La ragazza è stata costretta a trasferirsi da Verona a Roma

Stalking: La telefona più di cento volte la notte di capodanno

Lo stalker aveva già ricevuto una diffida a maggio 2011

Stalking: La telefona più di cento volte la notte di capodanno
03/01/2012, 17:01

ROMA - Non sono stati i soliti auguri di fine anno, ma una tempesta di messaggi provenienti dal suo ex, allo scoccare della mezzanotte del 31 dicembre. Una ragazza albanese ha ricevuto oltre cento telefonate solo la notte di capodanno, ma la storia andava avanti da tempo. Lei è dovuta trasferirsi da Verona a Roma per sfuggire all’ex fidanzato, un suo connazionale di 23 anni, L. V. Il ragazzo non aveva accettato la fine della relazione sentimentale e ha cercato in tutti i modi di vedere l’ex fidanzata per convincerla a tornare insieme. Il trasferimento di residenza per la donna è stato solo l’ennesimo cambiamento forzato al suo stile di vita.
Una vita diventata un incubo per lei e i suoi familiari. La persecuzione del suo ex aveva avuto una prima battuta d’arresto nel momento in cui la ragazza aveva deciso di denunciarlo. Nel mese di maggio dello scorso anno, il Tribunale di Verona aveva emesso una misura cautelare nei confronti di L. V. che aveva il divieto di avvicinarsi ai luoghi frequentati dalla ragazza e di comunicare con lei tramite telefono e internet. L’intimidazione nei confronti del ragazzo ha avuto effetto solo qualche mese perché a dicembre è tornato alla ribalta, presentandosi sotto casa dell’ex fidanzata. Lei ha dovuto rinunciare anche a festeggiare il capodanno fuori casa. Poi l’ondata di telefonate la notte di capodanno. La persecuzione ha avuto fine quando il ragazzo è stato arrestato dai poliziotti del Commissariato Viminale, mentre lui cercava il nome della ragazza sul citofono del palazzo.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©