Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Solo uffici comunali di pronta emergenza aperti

Stato di allarme a Roma. Chiusa l'intera capitale

Cittadini invitati ad evitare spostamenti inutili

Stato di allarme  a Roma. Chiusa l'intera capitale
03/02/2012, 19:02

Diffuso lo stadio di allarme a tutte le strutture deputate alla gestione delle emergenze neve. A comunicarlo è stata la protezione civile del Campidoglio che allostesso modo ha provveduto a far sapere che in virtù di tale situazione, al più presto verrà stabilita la chiusura di uffici e scuole con decorrenza immediata. Il sindaco di Roma Gianni Alemmano ha spiegato che: “Dopo la proclamazione dello stato d'allarme da parte della protezione civile conseguente al peggioramento delle condizioni atmosferiche, d'intesa con il prefetto e sentita la direzione regionale del ministero dell'Istruzione, abbiamo disposto di chiudere, con decorrenza immediata, tutti gli uffici pubblici, scuole comprese” . Alemanno ha poi precisato che  "rimarranno aperti solo gli uffici comunali di pronta emergenza (vigili urbani, protezione civile e servizi sociali). La proclamazione dello stato d'allarme, infatti, oltre a tutti gli uffici pubblici, consente anche di chiudere le scuole, andando oltre la semplice ordinanza di ieri di sospensione dell'attivita' didattica". "tutti i cittadini sono inoltre invitati ad evitare i movimenti inutili e a fare riferimento per qualsiasi evenienza al numero verde 800.854.854 della protezione civile”.
Ad aggiungersi a tali provvedimenti anche quelli resi noti dal  sovraintendente ai beni culturali di Roma Capitale, Umberto Broccoli: "A causa delle avverse condizioni meteorologiche e dopo la disposizione di chiudere gli uffici pubblici, d'intesa con il Prefetto, oltre alle aree archeologiche anche i musei di Roma Capitale chiuderanno anticipatamente oggi pomeriggio alle ore 16 e rimarranno chiusi anche domani". Comincata in ultimo anche la chiusura  di Villa Torlonia e delle altre ville storiche della capitale.
Scattato a Roma a anche il piano del trasporto pubblico. Previsto il funzionamento delle sole linee contemplate in caso di emergenza neve, comprese le 27 linee della rete notturna. Il trasporto ferroviario rimarrò regolato sul servizio della  linea A e B della metropolitana e anche sulla Termini-Giardinetti e la Roma-Lido. La Roma- Viterbo resterà invece rallentata.
L'assessore capitolino alla mobilita' Antonella Aurigemma informa sullo scioglimento dei turni dei taxi : "Con l'attuazione del piano emergenza del trasporto pubblico, a seguito delle abbondanti nevicate che stanno interessando Roma, sono stati sciolti i turni dei taxi.
Il provvedimento, che sara' in vigore fino a nuova disposizione, e' teso ad agevolare gli spostamenti in citta”.

"Roma sta vivendo una situazione climatica particolare alla quale l'amministrazione sta rispondendo con una serie di interventi mirati e strutturati : tra questi, c'e' la messa a disposizione di strutture per quelle famiglie che vivono nei microaccampamenti abusivi, dunque in condizioni assolutamente proibitive in particolar modo per anziani e bambini. A questo proposito voglio lanciare un appello ai cittadini affinche' segnalino situazioni di disagio e aiutino l'Amministrazione a raggiungere quelle criticita' difficili da intercettare". Ha commenato il vicesindaco Sveva Belviso.
Per far fronte anche alle difficoltà dal punto di vista sociale , il piano di accoglienza messo  a punto dal Campidoglio ha permesso che oltre 1.500 persone venissero ospitate nei centri previsti nel Piano Freddo, e piu' altri 500 posti letto sono stati messi a disposizione  per chi vive negli insediamenti abusivi della capitale.
Inoltre i centri di accoglienza resteranno  aperti tutti i giorni h24 per l'intera durata dell'emergenza neve e grazie l'assessorato capitolino alle politiche sociali, guidato dal vicesindaco Sveva Belviso, è stato  predisposto da questa notte, per quindici giorni, l'apertura di tre strutture di accoglienza dedicate ai nuclei familiari con bambini e anziani presenti negli insediamenti di fortuna e abusivi, per un totale di 300 posti cosi' suddivisi: 250 all'ex fiera di Roma, 30 a via Tiburtina e 20 a via Visso. Le strutture, aperte h24, offrono posti letto dotati di coperte isotermiche, vitto e cambio di vestiario.

Commenta Stampa
di Alessia Tritone
Riproduzione riservata ©