Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Avrebbe movimentato tra i 3 e i 4 milioni di euro

Stiffoni (Lega) e i movimenti sospetti sul conto corrente del partito


Stiffoni (Lega) e i movimenti sospetti sul conto corrente del partito
30/04/2012, 15:04

ROMA - Nell'ambito delle indagini sulla Lega Nord e l'utilizzo fatto dei soldi pubblici, ora l'attenzione si sposta su un altro senatore che è stato espulso dal partito: Piergiorgio Stiffoni. Costui era stato delegato dalla Lega Nord a gestire il conto corrente che il partito aveva presso il Senato e su cui venivano accreditati i rimborsi elettorali e gli altri finanziamenti pubblici. Ma secondo i magistrati di Milano, Stiffoni l'avrebbe usato per operazioni definite "sospette", facendo prelievi in contanti per grosse somme ed utilizzando di frequente assegni circolari. Il tutto per un importo complessivo stimato tra i 3 e i 4 milioni di euro tra il 2010 e il 2011.
DIverse operazioni erano anche state segnalate a suo tempo dall'Uif della Banca d'Italia, ma non erano state considerate importanti in quel momento. Ma hanno assunto tutt'altro aspetto alla luce di quanto si è scoperto nel frattempo.
Ora Stiffoni rischia l'accusa di peculato, dato che si tratta di soldi pubblici. Un rischio avvalorato dalla situazione personale del senatore: interrogato dai Pm, ha avuto l'esame sospeso, perchè da testimone si è avvicinato ad essere indagato a causa delle dichiarazioni che ha fatto. In questi casi, come è prassi, l'esame si interrompe, perchè le dichiarazioni non sarebbero comunque utilizzabili.
Il capogruppo della Lega al Senato, Federico Bricolo, ha detto di non sapere come Stiffoni gestisse ilconto, perchè aveva la delega del partito ad operare e si aveva fiducia in lui.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©