Cronaca / Curiosità

Commenta Stampa

Dagli USA arriva la sbronza facile

Stop ai fiumi d’alcool. Basta un tampax inzuppato nella vodka


Stop ai fiumi d’alcool. Basta un tampax inzuppato nella vodka
18/11/2011, 17:11

PHOENIX, STATI UNITI I giovani americani ( ma a quanto pare anche quelli britannici ) si sono stancati di tracannare fiumi d’alcool da comuni bicchieri o, come succede assai spesso, direttamente dalla bottiglia. Questi sono ormai declassati a metodi obsoleti, superati, che oltretutto richiedono anche troppo tempo prima di prendersi una sbornia solenne. E allora l’espediente arriva dai teenager americani che hanno scoperto che inzuppare un Tampax di vodka e introdurlo nella vagina o nel retto, procura una sbronza più forte e duratura. C’è anche chi usa i ”bong”, una sorta di pipe con cui si versa l’alcol negli orifizi di cui sopra.. Questa trovata originale che si registra sempre più frequentemente tra i giovani ragazzi americani, sarebbe teoricamente supportata dal fatto che il tampone permetterebbe di assorbire l’alcool più velocemente, attraverso la ricca vascolarizzazione delle mucose, senza passare per lo stomaco e senza riportare dunque quegli sgradevoli effetti collaterali da “scuffia”. Ah, stavamo dimenticando un altro aspetto di non trascurabile rilievo: naturalmente un tampax imbevuto nella vodka e poi infilato nel retto o nella vagina, non lascia nemmeno tracce sull’alito e così il controllo di mamma e papà é comodamente eluso! Quello che questi giovani “geni” non hanno però opportunamente considerato è che, l’acool direttamente assorbito nel flusso sanguigno dalle pareti membrane, distrugge letteralmente la vagina. Così avverte la dottoressa Lisa Masterson, consulente del popolare programma televisivo “The Doctors”. ”Credono che lo stato di ebbrezza si raggiunga più rapidamente, che sia più intenso e soprattutto che duri di più”, ha dichiarato alla stazione televisiva KPHO il dottor Dan Quan, del Maricopa Medical Center di Phoenix, Arizona, ma invita a riflettere sul fatto che, com’è facilmente intuibile, questa trovata indebolisce la flora batterica ginecologica, aumentando la possibilità di contrarre infezioni e, addirittura, avrebbe già provocato alcuni gravi casi di intossicazione con effetti di un pre-coma etilico. Senza contare che quella dell’alito preservato dall’odore di alcool è solo una diceria. Infatti una volta entrato in circolo l’alcol viene parzialmente smaltito attraverso il respiro e si fa quindi “sentire” quale che sia l’orifizio da cui l’assumiamo. Eppure, proprio per evitare conseguenze a carico del fiato, sono molti i ragazzi e le ragazze che ricorrono spesso a quello che viene chiamato “Butt Chugging”, ovvero l’introduzione di alcolici nel retto con un tubo di plastica o un imbuto. Ma non basta: il Daily Mail ha riferito che teenager britannici si sbronzano versandosi vodka direttamente dalla bottiglia negli occhi, mentre secondo la Bbc il liquore viene a volta aspirato con le narici. Questa’ultima modalità è di certo la più pericolosa. La Bbc ha raccolto testimonianze di baristi, secondo i quali chiunque sia ricorso al sistema delle narici ha cominciato a piangere inarrestabilmente, o è stramazzato al suolo in uno stato di ubriachezza tale che ha richiesto l’intervento del medico. E lo sballo è servito.

Commenta Stampa
di Rosa Vetrone
Riproduzione riservata ©