Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il rappresentante governativo sarà il Prefetto

Strage di Bologna: anche quest'anno il governo fugge


Strage di Bologna: anche quest'anno il governo fugge
28/07/2011, 16:07

BOLOGNA - Anche quest'anno, come l'anno scorso, la cerimonia per la commemorazione della strage di Bologna - 2 agosto 1980, una bomba esplose nella stazione ferroviaria di Bologna, uccidendo 85 persone e ferendone altre 200 - non vedrà la partecipazione di alcun componente del governo. Il governo ha ufficialmente comunicato al comitato organizzatore che l'unico loro rappresentante sarà il Prefetto.
L'ultima volta che uno del governo andò alla maniofestazione era il 2009: si trattava di Sandro Bondi, allora Ministro dei Beni Culturali, che venne fischiato. Già nei giorni scorsi il Ministro della Difesa Ignazio La Russa aveva detto che la città di Bologna non è sicura e che per mantenere l'ordine pubblico, sarebbe stato necessario mandare i soldati per il 2 agosto.
Paolo Bolognesi, presidente dell'associazione familiari delle vittime, non l'ha presa bene: "Siamo alle solite: questo Governo ha un atteggiamento di ritorsione nei confronti delle vittime di terrorismo e dei loro parenti. I feriti e i superstiti delle stragi parlano troppo di legge 206, di P2 e di segreto di Stato e allora scatta la ritorsione del Governo con questi mezzucci. Se me lo aspettavo? Beh... Il Governo si è comportato così l'anno scorso, speravo che quest'anno servisse per recuperare. Invece si conferma un'assenza che è un modo per fare dimenticare".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©