Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'avvocato di lui: "Sollievo umano psicologico"

Strage di Erba: Olindo e Rosa trasferiti in carceri più vicini


Strage di Erba: Olindo e Rosa trasferiti in carceri più vicini
17/11/2009, 22:11

ROMA – Olindo Romano e Rosa Bazzi, condannati per la strage di Erba, sono stati trasferiti in due carceri più vicino tra loro. Lui prima si trovava in quello di Parma, lei in quello di Vercelli: adesso sono rispettivamente in quello di Opera e quello di Bollate. La decisione, esecutiva sabato scorso, arriva dal Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria ed è stata presa per fare in modo che i due coniugi possano vedersi con minori difficoltà, anche se il limite non è cambiato: due volte al mese per sei ore totali.
L’avvocato di Romano, Fabio Schembri, ha spiegato che il trasferimento è stato deciso anche per motivi economici: ci saranno minori spese da affrontare, infatti, ora che i due carceri dove sono detenuti marito e moglie distano pochi chilometri. “C’era stato un provvedimento del magistrato di sorveglianza contro la decisione di trasferire i due da Como e a favore di colloqui più regolari, - afferma Schembri, - penso che il Dap abbia ritenuto di doverli avvicinare nella sede naturale del processo nell’ambito di quel provvedimento”.
Il trasferimento, oltre a rivelarsi positivo sul versante economico, agevolerà anche le successive fasi del processo, agendo a livello psicologico. Olindo Romano, infatti, da quando è stato arrestato viene sorvegliato a vista per evitare eventuali gesti autolesionistici, e a più riprese ha parlato della propria solitudine in cella e della necessità di incontrare la moglie. “Per quanto riguarda la vita dei detenuti con il trasferimento potranno avere un sollievo umano psicologico, - conclude l’avvocato, - mi fa piacere, così sarà possibile gestire meglio la difesa in appello, con meno difficoltà anche logistiche”.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©