Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Nel registro degli indagati il conducente del Suv

Strage di Natale a Cosenza: la Procura apre un’inchiesta

Intanto la città è in lutto per le sue giovani vittime

Strage di Natale a Cosenza: la Procura apre un’inchiesta
26/12/2011, 15:12

COSENZA – È ancora sotto choc la città di San Giovanni in Fiore (Cosenza), dove il giorno di Natale si è trasformato in un giorno di grande tragedia, difficile da dimenticare. La cittadina silana ancora piange le sue giovani vittime, mentre la Procura della Repubblica di Cosenza decide di aprire un’inchiesta su quanto accaduto. Benché si tratti di un atto dovuto, così come viene reso noto negli ambienti della Procura stessa, per il momento ad essere iscritto nel registro degli indagati è il conducente del Suv, che, nella notte della vigilia di Natale, si è scontrato con l’auto sulla quale viaggiavano i cinque giovani ragazzi, tutti morti nell’incidente. Un atto dovuto, a quanto pare, anche per consentire all’uomo, 42enne di Crotone, di poter nominare un proprio perito, in vista dell’autopsia che sarà fatta sul corpo del giovane che era alla guida dell’altra auto. L'indagato è stato anche sottoposto ad alcool test, ma i risultati non sono stati ancora resi pubblici.
Con il passare delle ore, intanto, iniziano e delinearsi le dinamiche dell’incidente. La Volkswagen Lupo, a bordo della quale viaggiavano i cinque giovani, per cause ancora in fase di accertamento, ma probabilmente a causa della pioggia e delle basse temperature, è sbandata schiantandosi contro il guard-rail, rimanendo al centro della carreggiata e venendo colpita da una Hyundai Santa Fe, che procedeva in direzione opposta. I ragazzi, che dopo il cenone in famiglia erano diretti in un paesino vicino per trascorrere con amici la notte di Natale, sono morti sul colpo. Sono rimasti feriti in maniera serie, ma non sono considerate in pericolo di vita, invece, le quattro persone che erano a bordo del suv: una coppia di 48 e 42 anni, di Crotone, assieme ai due figli minorenni.

LE VITTIME
Si tratta di Robert Laurenzano, di 20 anni, il fratello Frank, di 22, Domenico Noce, 20 anni, Samuel Crivaro, 21 anni, e Emanuela Palmeri, di 15 anni. I fratelli Laurenzano erano nati in Francia, dove il padre era emigrato da giovane prima di tornare a San Giovanni in Fiore ed aprire un’attività di gommista, dove lavoravano i figli. Domenico Noce era impiegato in una piccola azienda, mentre Samuel Crivaro faceva il manovale. La ragazzina, invece, andava ancora a scuola.

IL LUTTO CITTADINO
Il sindaco, Antonio Barile, in segno di lutto ha deciso di sospendere tutte le iniziative programmate dall’Amministrazione per le feste Natalizie sino al funerale, che non è stato ancora fissato. Ed anche la festa in piazza organizzata per l’ultimo dell’anno è in forse. Rimasti chiusi, inoltre, tutti i locali.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©