Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Commemorazione a Bologna per il 32esimo anniversario

Strage di Ustica, 32 anni di silenzio


Strage di Ustica, 32 anni di silenzio
27/06/2012, 13:06

"E' vergognoso e inaccettabile che dopo 32 anni si sappia che hanno abbattuto un aereo civile in tempo di pace e non si sappia chi e' stato. Non sapere gli autori di quell'evento e' il pezzo di verita' che ci manca". Daria Bonfietti, presidente della associazione delle vittime della strage di Ustica, lancia l'ennesimo appello alle istituzioni e ai Paesi alleati per azioni che possano portare alla conoscenza degli autori del disastro aereo in cui, il 27 giugno 1980, persero la vita 81 persone.
"Al governo italiano e alla diplomazia - ha detto Bonfietti nel corso della commemorazione in Comune a Bologna del 32esimo anniversario della strage di Ustica - chiedo di attivarsi in maniera un po' piu' determinata, forte e convinta nel chiedere ai Paesi amici alleati di rispondere. Il Belgio ha risposto - ha lamentato la rappresentante dei familiari - e ha detto di avere delle cose da dire ma che non ce le dice per interessi superiori militari. Questo e' il problema. Vogliamo chiedere al Belgio di togliere questa impossibilita' di darci la sua versione? Non credo che vada del loro equilibrio militare il fatto di raccontarci anche cosa facevano i loro aerei quella notte nei nostri cieli".
Altro 'fronte caldo' per l'associazione e' rappresentato dalla questione dei risarcimenti ai familiari delle vittime (110 milioni di euro) per cui erano stati condannati civilmente, in primo grado, i ministeri dei Trasporti e della Difesa e bloccati dopo l'accoglimento da parte dei giudici palermitani della richiesta di sospensione presentata dall'avvocatura dello Stato. "Contesto - ha spiegato Bonfietti - non il fatto che il condannato usi le 'armi' che prevede la giurisdizione ma che l'avvocatura sta chiedendo ai suoi ministeri di non accettare questa verita' non dando luogo al risarcimento. Il dramma e' che il processo di appello e' stato fissato nel 2015. Questa - ha concluso- non e' giustizia perche' ci vieta di vedere prevalere la verita' della responsabilita' dei nostri ministeri".
(Nella foto i resti del DC9 abbattuto sopra i cieli di Ustica)

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©