Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Il sindaco: "Comunità colpita". Messa per le salme annullata

Strage, Filandari sotto choc: "Qui è come nel Far West"

Criminalità scatenata, pochi giorni fa atto incendiario

Strage, Filandari sotto choc: 'Qui è come nel Far West'
28/12/2010, 18:12

VIBO VALENTIA - Una intera comunità colpita al cuore. A Filandari, il piccolo centro del Vibonese teatro, ieri pomeriggio, di una strage familiare, regna lo sgomento. A meno di 24 ore dall’assassinio di Domenico Fontana, proprietario di una delle tante masserie della zona, e dei suoi quattro figli, di cui il più piccolo aveva solo 19 anni, i cittadini parlano a fatica. “Un fatto gravissimo”, commentano, mentre il parroco, don Giuseppe Lo Presti, ha annullato ieri la celebrazione della messa per benedire le cinque salme. “Si tratta di un avvenimento molto grave, un fatto tristissimo che turba profondamente questa piccola comunità. Un caso senza precedenti che comprensibilmente getta anche un'ombra di paura e di forte tensione tra i miei fedeli, che comunque invito ad aggrapparsi alla fede ed alla preghiera per trovare la forza di reagire e di proseguire nel cammino della vita".  per i sindaco di Filandari, Vincenzo Pezzuto, “sono fatti che lasciano davvero un segno profondo”: “Episodi come questi feriscono profondamente tutta la mia comunità. Forse si è trattato di un gesto dettato dall'esasperazione. Ma a parte i motivi di questo insano gesto, resta il fatto che questa famiglia e questo territorio vengono colpiti in maniera crudele da un avvenimento che non sappiamo ancora spiegarci". Il centro di Filandari rappresenta una delle zone più colpite del calabrese in merito a criminalità: tra gli episodi, qualche giorno fa è stato piazzato un ordigno davanti all’autosalone di un commerciante che si rifiutava di pagare il pizzo, mentre il giorno dopo è stata danneggiata l’auto dell’ex sindaco con dell’acido muriatico.  Il senatore del Pdl, Antonio Gentile, componente della Commissione parlamentare antimafia, afferma: “Qui siamo nel Far west, il governo Berlusconi ha già fatto tanto per sradicare la mafia, ma noi chiediamo ancora di più. I territori siano presidiati ancora di più e vi sia un impegno costante per continuare a smantellare l'impressionante apporto produttivo di una holding criminale che è la più forte al mondo. La Calabria sta facendo grandi sforzi con un presidente della Regione giovane e perbene che combatte ogni giorno per togliere la polvere sotto il tappeto di un territorio che ha bisogno di un'attenzione concreta".

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©