Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Strage Firenze, CasaPound: "no alla mafia e agli stupratori seriali, sciogliere il Pd"


Strage Firenze, CasaPound: 'no alla mafia e agli stupratori seriali, sciogliere il Pd'
19/12/2011, 12:12

Roma, 19 dicembre - ‘’No alla mafia e agli stupratori seriali:
sciogliere il Pd’’. Questa la proposta del leader di CasaPound Italia Gianluca Iannone in risposta alle ripetute richieste del Partito democratico di ‘mettere al bando’ Cpi dopo la tragedia di Firenze.

‘’Tutti ricordano la storia di Luca Bianchini, il dirigente di un circolo del Pd di Roma che è stato arrestato con l’accusa di essere uno stupratore seriale. Pochi giorni fa, inoltre, il sindaco antimafia di Campobello Messina eletto con l’appoggio del partito democratico è finito in manette come fiancheggiatore di Matteo Messina Danaro, la primula rossa di Cosa Nostra. In entrambi i casi – sottolinea Iannone
- stiamo parlando di un rapporto molto più ‘solido’ di quello che legava Casseri a Cpi, eppure nessuno si è sognato di chiedere lo scioglimento del partito di Pierluigi Bersani’’.

‘’E’ vero - evidenzia Iannone -, il Pd non ha mai espressamente appoggiato la mafia o gli stupratori, così come CasaPound non si è mai espressa a favore della xenofobia, non è mai stata accusata di un’aggressione anche solo verbale a uno straniero, né è stata mai implicata in processi che abbiamo a che vedere con la discriminazione razziale. A chi vuole far chiudere CasaPound però questo non
interessa: dice che l’humus razzista è comprovato dall’azione di Casseri e che l’azione di Casseri prova che c’è un humus razzista. E allora, applicando al Pd la stessa logica ‘rigorosa’ usata per Cpi, noi diciamo che se ci sono i frutti, ci deve essere anche l’humus, il terreno fertile che quei frutti ha dato: il ‘brodo di coltura’ del Pd’’.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©