Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

600 metri quadri di appartamento, con sala fitness e cinema

Strauss Kahn: ai domiciliari in una casa da sogno

Siamo nel cuore di Manhattan, in un quartiere vip

Strauss Kahn: ai domiciliari in una casa da sogno
26/05/2011, 13:05

Un appartamento di lusso da 50 mila dollari al mese, con tanto di sala fitness e sala cinema: è questa la nuova prigione (prigione???!!!) dell’ex direttore del Fondo Monetario Internazionale, Dominique Strauss-Kahn, in attesa del processo che lo vede accusato di violenza sessuale e tentato stupro. Siamo al numero 153 di Franklin Street, nel sud ovest di Manhattan, in una casetta di due piani, dove Dsk è arrivato verso le 19:30 ora locale di ieri, scortato da due “gorilla”, due guardie del corpo della società Stroz Friedberg, incaricati di sorvegliarlo 24 ore su 24. Con un iPad sotto il braccio - racconta le Figaro - Strauss-Kahn ha salutato con un sorriso le telecamere. Venti minuti dopo sono arrivate le valigie, poi un fattorino ha consegnato la cena: una bistecca costata 242 dollari e una mancia di 25. Nella nuova residenza si trasferirà anche la moglie Anne Sinclair, in attesa della prossima udienza fissata per il 6 giugno. Il quartiere è abitato da star del cinema e altri vip newyorkesi: Robert de Niro abita nei pressi, Cameron Diaz e il giocatore di baseball Alex Rodriguez hanno vissuto in passato al 153.
Seicento metri quadrati, la townhouse è considerata una delle “più lussuose e più care di New York”, spiega Charlie Attias, della società immobiliare Corcoran. Un’area fitness, una piccola sala cinema, una jacuzzi, bagni e docce con diversi optional. La casa è dotata anche di una terrazza e diverse stanze - fanno notare i maligni - per il personale domestico. Le condizioni per gli arresti domiciliari di Dsk, che ha versato 1 milione di dollari di cauzione e altri 5 a garanzia, sono molto rigide: divieto di lasciare il 153, se non dopo un preavviso di 6 ore al giudice e solo per recarsi dal medico, dagli avvocati, in tribunale o per assistere a servizi religiosi una volta a settimana. Strauss-Kahn dovrà indossare un braccialetto elettronico ed essere sorvegliato notte e giorno da camere video piazzate in tutta la casa. Saranno anche condizioni rigide, ma che decadono però nel momento in cui Strauss-Kahn si ritrova a trascorrere i suoi prossimi giorni, prima del processo, praticamente in una casa da sogno.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©