Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Sei immigrati in manette

Stuprata sul barcone diretto a Lampedsa

Arrestato l'aguzzino denunciato dalla donna

Stuprata sul barcone diretto a Lampedsa
22/06/2011, 12:06

AGRIGENTO - Una traversata interminabile quella di una donna tunisina violentata da uno scafista aguzzino. Sul barcone che l’ha a Lampedusa prima e all’interno del centro di accoglienza di contrada Imbriacola poi. La stessa tunisina ha denunciato tutto. La tunisina racconta agli inquirenti, di aver pagato mille euro per raggiungere l’Italia e di essere stata violentata. Appena approdata, era stata costretta a dichiarare falsamene di essere la moglie del suo aguzzino. L’uomo, un uomo di 32 anni, Mansouri Sadik, ritenuto anche capo di un’organizzazione dedita al traffico di essere umani, è stato arrestato dagli agenti della squadra mobile di Agrigento. Il 32enne dovrà rispondere delle accuse di violenza sessuale e favoreggiamento all’immigrazione clandestina. Sono state arrestate anche altre tre persone, presunti scafisti, tutti libici: , Sris Mahir di 31 anni, Tarhouni Najar di 34 anni e Soltan Abdurrazak di 38 anni. . I quattro immigrati arrestati sono giunti ieri sera con il traghetto della Siremar, al porto di Porto Empedocle, per essere trasferiti al carcere di Agrigento.

Commenta Stampa
di Carmen Cadalt
Riproduzione riservata ©