Cronaca / Sesso

Commenta Stampa

Presto nuovo esame Dna e verifiche su pantaloni

Stupratore seriale, al via nuovi test ed accertamenti


Stupratore seriale, al via nuovi test ed accertamenti
20/07/2009, 17:07

Nuovi accertamenti sono stati disposti per il caso dello stupratore seriale che ha terrorizzato Roma nelle ultime settimane. In particolare tornano sotto la lente di ingrandimento i risultati dei test del Dna, mentre altre analisi verranno effettuate su alcuni capi di abbigliamento appartenenti a Luca Bianchini, l’uomo fermato con l’accusa di aver commesso tre stupri nella Capitale tra l’aprile e il luglio scorsi.
I pm Maria Cordova e Antonella Nespola hanno affidato alla polizia scientifica il compito di esaminare dei pantaloni sequestrati nell’abitazione del contabile arrestato. Sarà analizzata una traccia che si trova sull’indumento e che, si ipotizza, sia liquido seminale. Giovedì gli stessi specialisti si dovranno occupare invece di ripetere i test del Dna. Quelli precedentemente svolti avevano incastrato Bianchini, evidenziando che il suo profilo genetico corrispondeva a quello delle tracce biologiche ritrovate sul luogo degli stupri; il nuovo esame, fortemente richiesto anche dallo stesso indagato, è stato deciso per fornire tutte le garanzie possibili malgrado i risultati del precedente non siano in dubbi. Bruno Andreozzi, avvocato di Bianchini insieme al collega Giorgio Olmi, ha avuto copia degli atti processuali e potrà valutare le prossime mosse della linea difensiva.
 

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©